Alzheimer: colesterolo e diabete accelerano declino

La concentrazione di colesterolo totale ed LDL prima della diagnosi ed un’anamnesi di diabete sono associate ad un più rapido declino cognitivo nei pazienti con morbo di Alzheimer incidente. Sono disponibili per i pazienti con questa patologia poche opzioni terapeutiche in grado di migliorare la prognosi: un modo di ritardare il decorso della malattia potrebbe essere il controllo delle patologie vascolari. Benchè già in precedenza i fattori di rischio vascolari siano stati studiati in qualità di fattori predittivi di morbo di Alzheimer, pochi studi hanno valutato la loro influenza sulla progressione della malattia. Ora invece è’ stato dimostrato che la prevenzione o il trattamento dell’ipercolesterolemia e del diabete potrebbero potenzialmente rallentare il decorso del morbo di Alzheimer.

 

 

Fonte: Arch Neurol 2009; 66: 343-8

Potrebbero interessarti

  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 7 dicembre 2017In Italia, il diabete è tra i temi di salute più ricercati sul webSecondo la 4° edizione del Diabetes Web Observatory, 2017 si ricerca in rete più al Sud, in particolare in Calabria, Puglia, Basilicata. Il 75 per cento delle persone utilizza le app per raccogliere e condividere informazioni sul mondo del diabete, in base all’osservatorio Diabetes Monitor, 6° Ed, 2017. Le persone con diabete sentono di più il bisogno di discutere con il proprio medico […] Posted in Italia
  • 11 dicembre 2017Diabete tipo 2: il rischio cardiovascolare viene sottovalutatoLe persone con diabete di tipo 2 (DT2) non sono consapevoli del rischio cardiovascolare correlato alla malattia. È uno dei risultati preliminari dell’indagine “Taking Diabetes to Heart” presentati all’ultimo congresso dell’International Diabetes Federation (IDF) 2017. Posted in Pressione - Ipertensione arteriosa