Amputazioni minori e maggiori

Il problema più rilevante legato a un’ulcera del piede nei soggetti diabetici è il rischio di doverlo amputare. Una percentuale ancora troppo elevata di casi va incontro ad interventi chirurgici demolitivi ossia ad amputazioni minori (parte del piede) e maggiori (gamba, coscia).

 

 

Nella maggior parte dei casi (85%), l’amputazione viene effettuata come conseguenza di un’ulcera del piede che continua a recidivare, non guarisce e tende progressivamente ad aggravarsi.

Per evitare questo circolo vizioso è fondamentale continuare ad avere estrema cura per i propri piedi ed osservarne regolarmente il buon stato.

 

Amputazioni minori

  • Sebbene la guarigione possa completarsi in parecchi mesi, le amputazioni minori non compromettono significativamente la capacità di camminare, ma possono portare a deformità progressive che aumentano il rischio di ulcerazioni e di nuove amputazioni.
  • Qualora venga praticata un’amputazione minore, il rischio di ulteriori ulcerazioni aumenta in modo notevole; pertanto, è indicato uno stretto controllo per tutta la vita e deve essere rivolta speciale attenzione alle calzature, che necessitano di modifiche o, in certi casi, di essere confezionate su misura.

Amputazioni maggiori

  • Le amputazioni maggiori sono associate a un elevato rischio di perdita della capacità di camminare e di perdita dell’indipendenza.
  • Un’ulcera non guaribile non rappresenta un’indicazione per un’amputazione maggiore. L’amputazione maggiore viene eseguita soprattutto quando sia presente un intenso dolore a riposo o una progressiva necrosi del tessuto, che per svariate ragioni non possono essere trattati con la rivascolarizzazione dei vasi, non possono essere controllati con farmaci o alleviati con un’amputazione minore.

 

 

Considerato che i pazienti che sono stati sottoposti ad amputazione maggiore sono soggetti a elevato rischio di successiva amputazione dell’arto controlaterale, è cruciale per il team medico-chirurgico mettere a punto un programma di sorveglianza del piede rimasto.

 

Potrebbero interessarti

  • 8 dicembre 2016Podologo: l’esperto per la cura dei piediNelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnica), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici. Posted in Piede diabetico
  • 7 gennaio 2017Prevenzione e cura del piede diabeticoLa cura quotidiana dei piedi è essenziale per la persona con diabete, per mantenerli sani, per facilitare la rapida identificazione di eventuali alterazioni e per prevenire il piede diabetico, una complicanza subdola e invalidante che se diagnosticata precocemente può essere contrastata in modo efficace. Posted in Complicanze
  • 2 novembre 2016Il Metodo WAL nella prevenzione del diabeteIntervista alla dott.ssa Annamaria Crespi, psicologa, ideatrice e promotrice del metodo WAL e autrice del libro: “Il metodo WAL (Walk And Learn) Previeni, impara, cammina”, Morlacchi Ed, 2014. Posted in Prevenzione e Terapia