Appello agli stilisti, “griffate” i glucometri per diabetici

Glucometri glamour, con stampe e griffe per rendere irresistibilmente fashion il dispositivo per monitorare i livelli di zucchero nei diabetici. E vincere cosi’ l’imbarazzo ogni qual volta sia necessario estrarlo dalla borsa per misurare la glicemia. A lanciare “un vero e proprio appello agli stilisti” affinché facciano la loro parte nella battaglia contro il diabete è Valeria Mangani, vicepresidente di Alta Roma, intervenuta oggi alla conferenza stampa in Campidoglio dove è stata siglata la ‘Carta dell’alleanza’ per il buon compenso del diabete, iniziativa che coinvolgera’ anche la settimana della moda capitolina.
“Se ‘brandizziamo’ questi strumenti – afferma – possiamo renderli trendy e aiutare le donne alle prese con questa malattia a vincere ogni imbarazzo. Mi appello agli stilisti: penso a un glucometro di Versace, per esempio, e sono certa che non mancherebbero le acquirenti”.
 

 
Fonte: 13 novembre 2009, libero-news.it/adnkronos

Potrebbero interessarti

  • 21 ottobre 2016Diabete nel Lazio: ora prescrivibile e rimborsabile tecnologia flash per il monitoraggio della glicemiaBuone notizie per i pazienti diabetici residenti nel Lazio. Il primo sistema di monitoraggio FLASH del glucosio al mondo, in grado di fornire un quadro completo del profilo glicemico senza la necessità di pungere il dito, ora può essere prescritto e rimborsato dal Sistema Sanitario Regionale. Posted in NEWS - 2016
  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia
  • 30 novembre 2016L’AmazzoniaLa foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni