Assemblea Nazionale delle Associazioni di persone con diabete aderenti a FAND – Associazione Italiana Diabetici

11 – 12 APRILE 2015, MONTESILVANO (PE)

 

Sin dal 2013, l’Italia ha approvato il Piano Nazionale Diabete, che delinea strumenti e iniziative volti a favorire prevenzione, assistenza e cura della malattia. Per discutere  sulle opportunità scaturite da questo documento e dalla sua implementazione sul territorio nazionale dopo che quasi tutte le Regioni (escluse al momento: Valle D’Aosta, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia) lo hanno recepito, sabato 11 e domenica 12 aprile, si ritroveranno a Montesilvano (PE), tutti i Presidenti delle oltre 100 associazioni di persone con diabete che aderiscono alla FAND – Associazione Italiana Diabetici, che rappresenta la maggiore associazione di persone con diabete in Italia e al cui fondatore, Roberto Lombardi, si deve la legge 115/1987, che tutela i diritti delle persone con diabete.

L’appuntamento, a cui parteciperà il Presidente di Diabete Italia Salvatore Caputo, sarà anche “l’occasione per fare il punto sul livello e la qualità dell’assistenza alle persone con diabete nel nostro Paese, nella speranza che i nuovi risparmi nella sanità non si traducano in altrettanti tagli di servizi al cittadino, che penalizzino i più fragili, coloro che soffrono di malattie croniche e che necessitano di assistenza e cure continue come le persone con diabete”, ha affermato Egidio Archero, Presidente della FAND. “Troppe volte i nostri amministratori dimenticano che non è tagliando i servizi sanitari che si operano risparmi. Un malato cronico curato di meno costa di più”, aggiunge come monito.

 

Il diabete in Italia

Sono più di 3.200.000 le persone con diabete nel nostro Paese, una malattia in continua crescita, che le Nazioni Unite hanno definito un grave problema di sanità pubblica per il pianeta. Si stima, infatti, che il numero di persone colpite dalla malattia nel mondo crescerà dai 171 milioni del 2000 ai 592 milioni nel 2035. Anche nel nostro Paese, negli ultimi anni, si è assistito a una vera e propria esplosione del fenomeno: alla fine del secolo scorso il diabete interessava meno di 4 italiani su 100, oggi siamo a oltre 5 su 100. Rispetto a 10 anni fa ci sono in Italia quasi un milione di persone in più con diabete diagnosticato.
“Spesso si è portati a considerare il diabete come una malattia non troppo pericolosa. Non è così, poiché le conseguenze legate a mancata cura o a cure non adeguate portano a eventi cardiovascolari gravi, danni alla retina ed alla macula, amputazioni e malattie neurologiche degenerative, danni renali. Secondo le previsioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, il diabete, entro il 2030, rappresenterà in Europa la quarta causa di morte, raggiungendo quindi il triste primato di contribuire alla mortalità della popolazione più di quanto non facciano collettivamente AIDS, malaria e tubercolosi, considerate ‘la peste dei nostri tempi’” avverte Egidio Archero.

Fonte: Comunicato stampa HealthCom Consulting
Per comunicazioni: diego.freri@hcc-milano.com / laura.fezzigna@hcc-milano.com

Potrebbero interessarti

  • 27 ottobre 2017Diabete: le novità dei nuovi LEAI nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) sono stati pubblicati sulla G.U. del 18 marzo 2017, Supplemento n. 15 (DPCM 12 gennaio 2017); con tale decreto sono stati ridefiniti il numero e tipo di prestazioni delle quali i cittadini italiani potranno usufruire gratuitamente o a seguito del pagamento di una quota di partecipazione. Posted in Italia
  • 7 novembre 2017#Diabeteasy: conoscere il diabete tipo 1 per conviverci meglio ogni giornoSabato 4 novembre 2017, a Bologna, si è svolto un evento particolarmente importante per chi ha o si interessa al diabete di tipo 1 (DT1). Importante per innumerevoli motivi. Posted in Diabete di tipo 1
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017