Assistenza Sanitaria all’Estero per i Cittadini della UE

Paesi dell’Unione Europea
(Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria)

  • Prima di partire per un Paese della UE fatti rilasciare la Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM)** che consente di usufruire delle cure medicalmente necessarie (e quindi non solo urgenti) coperte in precedenza dai modelli E 110, E 111, E 119 ed E 128.
  • Per ottenere le prestazioni “medicalmente necessarie”, puoi recarti direttamente presso un medico o una struttura sanitaria pubblica o convenzionata ed esibire la TEAM, che dà diritto a ricevere le cure alle stesse condizioni dei residenti del Paese in cui ti trovi. L’assistenza è in forma diretta e pertanto nulla è dovuto, eccetto il pagamento di un eventuale ticket che è a carico della persona che riceve le prestazioni.
  • La TEAM viene emessa e distribuita a cura del Ministero dell’Economia e delle Finanze a tutti gli iscritti al SSN eccetto per gli assistiti della Regione Lombardia a cui viene rilasciata direttamente dalla Regione su richiesta.

Paesi fuori dall’Unione Europea con particolari convenzioni
[Argentina, Australia, Brasile, Capoverde, Croazia, ex Jugoslavia (Macedonia, Bosnia Erzegovina, Serbia-Montenegro, Vojvodina, Kossovo), Principato di Monaco, San Marino, Tunisia]

  • Con alcuni Paesi extra-UE esiste una serie di accordi bilaterali tra l’Italia e ciascuno di essi per i quali è previsto un modello diverso per ogni stato. Se siete diretti in uno di questi Paesi, il consiglio è quello di rivolgerti per tempo all’Ufficio preposto della propria ASL per avere tutte le informazioni utili).

Paesi fuori dall’Unione Europea senza convenzioni
[Argentina, Australia, Brasile, Capoverde, Croazia, ex Jugoslavia (Macedonia, Bosnia Erzegovina, Serbia-Montenegro, Vojvodina, Kossovo), Principato di Monaco, San Marino, Tunisia]

  • Se nel paese o paesi in cui sei diretto non esiste un Sistema Sanitario Nazionale, le spese sanitarie sono molto care (per es. negli USA) o comunque non esistono convenzioni, ti conviene stipulare un’assicurazione sanitaria privata. Prima del viaggio, fatti confermare nei dettagli (meglio in forma scritta) quale copertura medica sia resa disponibile da parte dell’assicurazione in caso di malattia all’estero.


** Per saperne di più sulla TEAM »

Si rammenta che in Svizzera ed in Francia (dove vige un sistema basato sull’assistenza in forma indiretta), il più delle volte viene richiesto il pagamento delle prestazioni. E’ bene sapere che il rimborso può essere richiesto direttamente sul posto all’istituzione competente (alla LAMal per la Svizzera alla CPAM competente per la Francia). In caso contrario il rimborso dovrà essere richiesto alla ASL al rientro in Italia. Si sottolinea che la TEAM non può essere utilizzata per il trasferimento all’estero per cure di alta specializzazione (cure programmate), per le quali è necessaria l’autorizzazione preventiva da parte della propria ASL.

 

Potrebbero interessarti

  • 12 gennaio 2017Piemonte: la nuova Rete Territoriale Endocrino-DiabetologicaIl dottor Alessandro Ozzello, Presidente della Sezione AMD Piemonte-Valle D’Aosta e direttore del Servizio di Diabetologia Ospedale Pinerolo Asl Torino 3, commenta le trasformazioni del modello esistente, in seguito all'approvazione della Delibera della Giunta Regionale, n. 27-4072 del 17.10.2016 e illustra i cambiamenti positivi per la presa in carico di persone con diabete mellito. Posted in Regioni
  • 20 ottobre 2016“DIABETICO ESPERTO”: Un nuovo progetto di FAND-associazione italiana diabeticiPrende il via, con un incontro organizzato a Montesilvano (Pescara), il 22 e 23 ottobre, il programma “Diabetico esperto”, che si propone, come spiega il suo coordinatore Lorenzo Greco, Vice Presidente Vicario FAND, di “creare figure di operatori del volontariato formate a sostenere le persone con diabete nella loro sfida quotidiana con la malattia.” Posted in NEWS - 2016
  • 21 dicembre 2016Agd Novara: La transizione dalla Diabetologia Pediatrica a quella AdultiUn passaggio delicato, quello dalla Diabetologia Pediatrica alla Diabetologia Adulti talvolta traumatico, che rischia di far perdere per strada ragazzi e famiglie, come sottolineato dalla d.ssa Maria Chantal Ponziani, presente al Convegno svolto sabato 17 dicembre 2016 all’Ospedale Maggiore di Novara. Posted in Fabio Braga