Attenti a una dieta gluten free, quando non necessario!

Attenti a una dieta gluten free, quando non necessario!

A cura del dr. Luca Montesi, Responsabile dell’Ambulatorio di Diabetologia presso la SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica dell’Ospedale S.Orsola Malpighi di Bologna.

 

Mangiare senza glutine sta diventando di moda anche tra chi non ne ha bisogno. Questo comportamento potrebbe risultare non salutare nel lungo periodo, in particolare per chi è a rischio o soffre già di diabete di tipo 2. A documentarlo alcuni studi tra cui il più recente condotto da Ricercatori di Harvard e presentato all’American Heart Association’s Epidemiology and Prevention/Lifestyle and Cardiometabolic Health 2017 Scientific Sessions, 7-10 marzo 2017, Portland, Oregon, USA.

 

Che cos’è il glutine

Il glutine è una proteina presente in molti cereali come frumento, orzo e segale. Il glutine può essere presente anche in altri cibi, tra i più impensati (caffè e tè solubili, yogurt con frutta, ketchup, succhi di frutta, formaggi cremosi, salse, carne precotta, burro di arachidi, gelati, torrone e cioccolato e altri). La dieta mediterranea basata sul consumo di frumento è molto ricca di glutine.

 

Celiachia: una malattia autoimmunitaria

Quando una persona con celiachia consuma un alimento che contiene glutine, si attiva una reazione autoimmunitaria (reazione anomala del sistema immunitario diretta contro cellule, tessuti o organi del proprio corpo) che cronicamente danneggia la mucosa dell’intestino tenue che non può più svolgere la sua funzione di assorbimento dei nutrienti tratti dagli alimenti introdotti con la dieta.

Il malassorbimento che ne consegue interessa non solo il glutine ma anche altre proteine, gli zuccheri (che ristagnano nell’intestino provocando gas, gonfiore, crampi), le vitamine e i minerali e determina una lunga serie di disturbi anche non riferibili alla sola area intestinale (debolezza generale, anemia, cefalea, alterazioni cutanee etc).

 

Gluten free: prodotti “dedicati” ai celiaci

Le persone intolleranti al glutine vanno giustamente trattate con una dieta priva di questa proteina, tuttavia le diete gluten-free stanno diventando di moda anche tra chi non soffre di questa patologia, nella convinzione che si tratti di una alimentazione più sana, sebbene non vi sia alcuna documentazione scientifica che ne attesti eventuali benefici per la salute in chi non ne necessita.

 

Gli obiettivi dello studio

I ricercatori del Dipartimento di Nutrizione dell’Università di Harvard (Boston, Massachusetts) si sono posti l’obiettivo di osservare nel tempo se il consumo di glutine avesse ripercussioni sulla condizione fisica di chi non presenta alcuna indicazione clinica per escluderlo dalla dieta. Va sottolineato a questo proposito che, spesso, gli alimenti gluten free contengono meno fibre, vitamine e minerali rispetto ai prodotti ricchi di glutine, a fronte di un costo commerciale più elevato.

Proprio il consumo di fibre presenti nei cereali viene considerato uno dei fattori di protezione contro il diabete di tipo 2. “Le persone senza malattia celiaca dovrebbero limitare il consumo di prodotti privi di glutine in un’ottica di prevenzione delle malattie croniche, soprattutto il diabete di tipo 2.” ha affermato Geng Zong, Ph.D., primo autore del lavoro.

 

Ampiezza e modello dello studio

I ricercatori hanno condotto 3 ampi studi, durati 30 anni, seguendo quasi 200.000 persone. Nel corso del follow-up ciascun partecipante ha compilato un questionario sulle proprie abitudini alimentari e sul consumo di glutine ogni 2/4 anni, a partire dal 1984. Le principali fonti di glutine risultavano cereali da colazione, pane, pasta, pizza, muffin e bretzel.

 

I risultati dello studio

Durante i 30 anni di osservazione, i ricercatori hanno accertato 15.947 casi di diabete di tipo 2.

La maggior parte dei partecipanti ha assunto ogni giorno meno di 12 g/die di glutine (in media 6-7 g /die). Il 20% di chi consumava più glutine presentava il 13% di rischio in meno di contrarre il diabete di tipo 2 rispetto al gruppo che ne consumava meno di 4 g al giorno. I soggetti che consumavano meno glutine tendevano anche ad introdurre meno fibra.

 

Conclusioni

La combinazione dei risultati dei tre studi ha evidenziato come un’alimentazione povera di glutine – se protratta in modo abituale – potrebbe risultare meno protettiva rispetto al rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, per il minor apporto di fibra alimentare, mentre non esistono prove scientifiche autorevoli che una dieta gluten-free apporti benefici alla salute dei soggetti che non presentano celiachia o sensibilità al glutine.

 

 

 

Fonti

– GengZong et al – Low gluten diets may be associated with higher risk of type 2 diabetes. American HeartAssociation Meeting Report Presentation 11

Low gluten diets may be associated with higher risk of type 2 diabetes. American HeartAssociation Meeting Report Presentation 11

 

 

 

 

Potrebbero interessarti

  • 20 marzo 2017Un peperoncino al giorno…benefici, quantità, usiDagli studi sperimentali di laboratorio e da quelli su volontari emergono benefici interessanti del peperoncino piccante per la prevenzione di molte patologie croniche come l'obesità, il diabete, le malattie cardiovascolari ma anche disturbi gastrointestinali, tumori, dermatopatie e vescica neurologica. Posted in A tavola con il diabete
  • 11 marzo 2017Impariamo a leggere le etichette alimentariLeggere le etichette può contribuire alla prevenzione delle malattie: è possibile fare scelte più sane e più corrette in termini di apporto ed equilibrio tra i nutrienti e nel lungo termine questo può fare la differenza. Posted in Comportamento a tavola
  • 3 febbraio 2017Microbiopassport® : che cos’è e quando può servireIl Microbiopassport® è un semplice test che ci consente di conoscere la composizione della nostra flora intestinale (oggi chiamata più propriamente ”microbiota”), un patrimonio unico per ciascuno di noi. Posted in Diagnosi