Attività fisica moderata protegge dal diabete

Praticare regolarmente attività fisica moderata o intensa migliora la resistenza all’insulina prevenendo così l’insorgere del diabete di tipo 2, soprattutto nei soggetti a rischio.
A confermarlo sono stati i risultati di uno studio condotto presso l’Università di Cambridge, in Gran Bretagna, con l’obiettivo di capire se il tempo trascorso seduti davanti alla televisione o facendo solo una lieve attività fisica sia in grado di predire l’insorgere di resistenza all’insulina in persone già a rischio di sviluppare il diabete.
I ricercatori hanno misurato l’attività fisica e le caratteristiche antropometriche e metaboliche di 192 individui con una storia familiare di diabete di tipo 2 e dopo un anno di osservazioni hanno rilevato che la sedentarietà non era direttamente associata alla resistenza all’insulina, ma che qualsiasi cambiamento nella pratica di attività fisica moderata o intensa era significativamente e inversamente proporzionale al livello di insulina a digiuno e all’indice HOMA per la misurazione dell’insulino-resistenza.
Questi risultati evidenziano l’importanza di promuovere l’attività fisica come mezzo di prevenzione per i fattori di rischio che precedono l’insorgenza del diabete, in particolare per quelle persone che sono considerate ad alto rischio di sviluppare questa malattia.

 

 
FonteDiabetes Care 2009; 32: 1081-1086

Potrebbero interessarti

  • 19 marzo 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 19 aprile 2017Urbanizzazione e salute: due facce della stessa medagliaEntro il 2030, 1 miliardo e mezzo di persone si sposterà dalle campagne alle città, provocando l’urbanizzazione di 1,5 milioni di chilometri quadrati. Fenomeno sociale inarrestabile e tendenza irreversibile, che va gestito e studiato dal punto di vista di: assetto urbanistico, trasporti, contesto occupazionale, ma soprattutto salute pubblica, perché è indissolubilmente legato […] Posted in Mondo, Europa
  • 11 marzo 2017Qi gong. Uno strumento prezioso per la salute e il benessereNon sono un maestro né mai lo sarò. Neppure vorrei esserlo. E i motivi sono innumerevoli. Per cui, parafrasando un grande delle letteratura (lui sì, maestro…) “così è se vi pare…” Essere maestri implica conoscenza, umiltà, costanza, amore per gli altri. In me non credo coesistano tanti valori. Una cosa però è certa: a questo mondo vorrei esprimere il mio umile punto di vista. Posted in T’Ai Chi Ch’Uan - Un’ avventura… nel benessere