Attività fisica moderata protegge dal diabete

Praticare regolarmente attività fisica moderata o intensa migliora la resistenza all’insulina prevenendo così l’insorgere del diabete di tipo 2, soprattutto nei soggetti a rischio.
A confermarlo sono stati i risultati di uno studio condotto presso l’Università di Cambridge, in Gran Bretagna, con l’obiettivo di capire se il tempo trascorso seduti davanti alla televisione o facendo solo una lieve attività fisica sia in grado di predire l’insorgere di resistenza all’insulina in persone già a rischio di sviluppare il diabete.
I ricercatori hanno misurato l’attività fisica e le caratteristiche antropometriche e metaboliche di 192 individui con una storia familiare di diabete di tipo 2 e dopo un anno di osservazioni hanno rilevato che la sedentarietà non era direttamente associata alla resistenza all’insulina, ma che qualsiasi cambiamento nella pratica di attività fisica moderata o intensa era significativamente e inversamente proporzionale al livello di insulina a digiuno e all’indice HOMA per la misurazione dell’insulino-resistenza.
Questi risultati evidenziano l’importanza di promuovere l’attività fisica come mezzo di prevenzione per i fattori di rischio che precedono l’insorgenza del diabete, in particolare per quelle persone che sono considerate ad alto rischio di sviluppare questa malattia.

 

 
FonteDiabetes Care 2009; 32: 1081-1086

Potrebbero interessarti

  • 16 febbraio 2017Insulina degludec rimborsabile (classe A) anche in bambini e adolescentiIl 10 febbraio è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Determina dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) per la rimborsabilità dell’indicazione in pediatria dell’insulina degludec (Tresiba®) per il trattamento del diabete tipo 1 in bambini dall’età di 1 anno. Posted in NEWS - 2017
  • 19 marzo 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 19 aprile 2017Urbanizzazione e salute: due facce della stessa medagliaEntro il 2030, 1 miliardo e mezzo di persone si sposterà dalle campagne alle città, provocando l’urbanizzazione di 1,5 milioni di chilometri quadrati. Fenomeno sociale inarrestabile e tendenza irreversibile, che va gestito e studiato dal punto di vista di: assetto urbanistico, trasporti, contesto occupazionale, ma soprattutto salute pubblica, perché è indissolubilmente legato […] Posted in Mondo, Europa