Bambini britannici a rischio obesità e diabete con i “packet-lunch” supercalorici

Una legge promulgata nel Regno Unito qualche anno fa stabiliva le caratteristiche nutritive dei pasti per bambini. Peccato che la legge fosse indirizzata solo alle cucine delle scuole e non a quelle di casa propria. Sembra infatti che il più grosso rischio per obesità e diabete per i giovani britannici si nasconda proprio nel pranzo al sacco che le mamme preparano a casa e che i figli portano a scuola. Solo l’1% delle mamme prepara il pranzo seguendo gli standard nutrizionali corretti, mentre nell’82% dei “packet-lunch” vengono messi cibi ricchi di grassi, zucchero e sale, lasciando pochissimo spazio a frutta e verdura. Solo 1 bambino su 10 infatti trova nel suo pranzo casalingo una porzione di frutta (comunque meno della quantità giornaliera consigliata) mentre 1 su 5 trova della verdura.
Una cattiva abitudine, quella dei genitori del Regno Unito, che espone i bambini al rischio di diventare precocemente obesi e/o diabetici.

 

 

 

Fonte: 17 gennaio 2010, superabile.it

Potrebbero interessarti

  • 19 gennaio 2017Nuova campagna di AIIPA: “Nutrizione e sicurezza specializzate”Il messaggio della nuova campagna dell’Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) si propone di fare chiarezza sulle caratteristiche e sulla qualità nutrizionale degli alimenti specifici per la prima infanzia, fabbricati e commercializzati nel rispetto della rigorosa normativa vigente. Posted in NEWS - 2016
  • 30 novembre 2016L’AmazzoniaLa foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 25 novembre 2016L’Iran del velo, dei datteri e dei materassi per terra: bici-diario col diabete di tipo 1Nel giro di quarantacinque lunghi giorni, insieme a Riccardo, ho pedalato quasi 2000 km di Iran, da Nord a Sud, avendo modo di vedere panorami mozzafiato, visitare tantissime città e villaggi, dai più anonimi alle magnifiche Esfahan e Shiraz, farci incantare della raffinata architettura persiana, mangiare piatti locali (purtroppo  poco vari) e conoscere un numero spropositato di iraniani. Posted in For a piece of cake