Bambini britannici a rischio obesità e diabete con i “packet-lunch” supercalorici

Una legge promulgata nel Regno Unito qualche anno fa stabiliva le caratteristiche nutritive dei pasti per bambini. Peccato che la legge fosse indirizzata solo alle cucine delle scuole e non a quelle di casa propria. Sembra infatti che il più grosso rischio per obesità e diabete per i giovani britannici si nasconda proprio nel pranzo al sacco che le mamme preparano a casa e che i figli portano a scuola. Solo l’1% delle mamme prepara il pranzo seguendo gli standard nutrizionali corretti, mentre nell’82% dei “packet-lunch” vengono messi cibi ricchi di grassi, zucchero e sale, lasciando pochissimo spazio a frutta e verdura. Solo 1 bambino su 10 infatti trova nel suo pranzo casalingo una porzione di frutta (comunque meno della quantità giornaliera consigliata) mentre 1 su 5 trova della verdura.
Una cattiva abitudine, quella dei genitori del Regno Unito, che espone i bambini al rischio di diventare precocemente obesi e/o diabetici.

 

 

 

Fonte: 17 gennaio 2010, superabile.it

Potrebbero interessarti

  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia
  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia
  • 16 ottobre 201714-20 novembre 2017: nelle farmacie aderenti, screening gratuito della glicemiaDiabete: in occasione della Giornata Mondiale del Diabete 2017, è prevista la prima Campagna Nazionale di Screening nelle Farmacie aderenti. Dal 14 al 20 novembre, offriranno gratuitamente l’autoanalisi della glicemia ai cittadini che lo desiderano e li sottoporranno a un questionario anonimo. Posted in NEWS - 2017