Bambini diabetici a scuola: il primo documento per accoglierli

Nei giorni scorsi in Senato è stato presentato ufficialmente un documento, il primo in Europa, stilato per definire un piano condiviso di accoglienza, finalizzato a garantire nelle scuole ai bambini con malattie croniche le condizioni più vicine possibile alla normalità, e una permanenza a scuola in sicurezza; il documento è frutto del lavoro di riflessione e confronto fra Agd Italia (Associazione Giovani Diabetici) e i Ministeri della Salute e dell’Istruzione, e con i referenti regionali e scolastici, i diabetologi pediatri e i pediatri.
Il presidente della Commissione Nazionale Diabete del Ministero della Salute, Paola Pisanti, spiega: «Abbiamo messo a punto un documento di programmazione che, una volta condiviso, potrà diventare parte integrante di un provvedimento normativo che regolamenti l’intero settore della somministrazione dei farmaci a scuola nelle malattie croniche (diabete, asma, epilessia).
Il documento è stato redatto a cura del Comitato Paritetico Nazionale per le ‘Malattie Croniche e la Somministrazione dei Farmaci a Scuola’, istituito presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, a cui partecipa il Ministero della Salute con i rappresentanti delle Direzioni Generali della Prevenzione e della Programmazione Sanitaria».
Speranzina Ferraro, coordinatrice del Comitato Paritetico Nazionale per le ‘Malattie Croniche e la Somministrazione dei Farmaci a Scuola’, precisa: «Questo strumento propone un modello di percorso di gestione integrata finalizzata a rimuovere gli ostacoli alla completa attuazione dell’inclusione socio-educativa, e a promuovere il diritto alla salute e il diritto all’istruzione attraverso la collaborazione condivisa e l’intervento di tutti i soggetti coinvolti, ciascuno in base alle proprie competenze e responsabilità».
Il documento contiene le indicazioni necessarie perché i bambini e i ragazzi con diabete siano accolti a scuola con le dovute attenzioni; un sostegno alle famiglie nella gestione quotidiana dei problemi legati alla malattia.

 

Fonte
Documento strategico di intervento integrato per l’inserimento del bambino, adolescente e giovane con Diabete in contesti Scolastici, Educativi, Formativi al fine di tutelarne il diritto alla cura, alla salute, all’istruzione e alla migliore qualità di vita.
AGD Italia, 7 novembre 2013

Potrebbero interessarti

  • 6 dicembre 2017Torino: nuova tappa del Cities Changing Diabetes® ProgramNella Città metropolitana, capoluogo della Regione Piemonte, risiedono quasi 121 mila persone con diabete, il 5,3 per cento della popolazione censita, un record negativo per il Nord Italia; dagli esperti un invito alle amministrazioni cittadine a farsi carico della promozione della salute e della prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili come diabete tipo 2 e obesità. Posted in Mondo, Europa
  • 27 ottobre 2017Diabete: le novità dei nuovi LEAI nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) sono stati pubblicati sulla G.U. del 18 marzo 2017, Supplemento n. 15 (DPCM 12 gennaio 2017); con tale decreto sono stati ridefiniti il numero e tipo di prestazioni delle quali i cittadini italiani potranno usufruire gratuitamente o a seguito del pagamento di una quota di partecipazione. Posted in Italia
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017