Bambini diabetici a scuola: il primo documento per accoglierli

Nei giorni scorsi in Senato è stato presentato ufficialmente un documento, il primo in Europa, stilato per definire un piano condiviso di accoglienza, finalizzato a garantire nelle scuole ai bambini con malattie croniche le condizioni più vicine possibile alla normalità, e una permanenza a scuola in sicurezza; il documento è frutto del lavoro di riflessione e confronto fra Agd Italia (Associazione Giovani Diabetici) e i Ministeri della Salute e dell’Istruzione, e con i referenti regionali e scolastici, i diabetologi pediatri e i pediatri.
Il presidente della Commissione Nazionale Diabete del Ministero della Salute, Paola Pisanti, spiega: «Abbiamo messo a punto un documento di programmazione che, una volta condiviso, potrà diventare parte integrante di un provvedimento normativo che regolamenti l’intero settore della somministrazione dei farmaci a scuola nelle malattie croniche (diabete, asma, epilessia).
Il documento è stato redatto a cura del Comitato Paritetico Nazionale per le ‘Malattie Croniche e la Somministrazione dei Farmaci a Scuola’, istituito presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, a cui partecipa il Ministero della Salute con i rappresentanti delle Direzioni Generali della Prevenzione e della Programmazione Sanitaria».
Speranzina Ferraro, coordinatrice del Comitato Paritetico Nazionale per le ‘Malattie Croniche e la Somministrazione dei Farmaci a Scuola’, precisa: «Questo strumento propone un modello di percorso di gestione integrata finalizzata a rimuovere gli ostacoli alla completa attuazione dell’inclusione socio-educativa, e a promuovere il diritto alla salute e il diritto all’istruzione attraverso la collaborazione condivisa e l’intervento di tutti i soggetti coinvolti, ciascuno in base alle proprie competenze e responsabilità».
Il documento contiene le indicazioni necessarie perché i bambini e i ragazzi con diabete siano accolti a scuola con le dovute attenzioni; un sostegno alle famiglie nella gestione quotidiana dei problemi legati alla malattia.

 

Fonte
Documento strategico di intervento integrato per l’inserimento del bambino, adolescente e giovane con Diabete in contesti Scolastici, Educativi, Formativi al fine di tutelarne il diritto alla cura, alla salute, all’istruzione e alla migliore qualità di vita.
AGD Italia, 7 novembre 2013

Potrebbero interessarti

  • 28 dicembre 2016A Novara presentato il progetto “Peer Therapy” per gli adolescenti con DT1La “Peer Therapy” come strategia di promozione della salute rappresenta oggi uno dei percorsi più interessanti ed efficaci nella prevenzione dei comportamenti a rischio ed è un efficace modello di lavoro con gli adolescenti per lo sviluppo di reali processi di autonomia ed empowerment personale. Posted in Fabio Braga
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia