Carta del rischio cardiovascolare – Uomini diabetici

Rischio cardiovascolare a 10 anni

Scarica il pdf »

 

 

Come si usa la carta per gli uomini diabetici
(NB. È consigliabile utilizzarla insieme al proprio medico durante la visita)

  1. Scegliere l’area “Non fumatori” o “Fumatori” in base alla propria abitudine.
  2. Identificare il decennio di età in cui rientra la propria.
  3. Posizionarsi nella casella in cui ricadono i propri valori di colesterolemia e pressione arteriosa massima (sistolica) misurati in precedenza (max 3 mesi prima).
  4. Identificato il colore, leggere il corrispondente livello di rischio a 10 anni utilizzando la legenda qui a fianco.
LEGENDArischio cardiovascolare

carta del rischio cardiovascolare Uomini Diabetici

 

DONNE
Donne non diabetiche »

Donne diabetiche »
donna-uomo UOMINI
Uomini non diabetici »
Uomini diabetici

 

Potrebbero interessarti

  • 11 ottobre 2017Salute: al Forum della Leopolda si è sfidato il futuroA Firenze, il 29-30 settembre 2017, oltre 2.000 visitatori e 600 relatori in rappresentanza del settore sanitario, Istituzioni pubbliche, Associazioni di pazienti e Società Scientifiche, economisti e futuristi hanno animato la Stazione Leopolda, in occasione della seconda edizione del “Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute”. Posted in EVENTI - 2017
  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017