Centri di diabetologia: sempre più qualità nell’assistenza ai pazienti

Presentati a Roma gli Annali AMD 2011. L’assistenza medico-sanitaria ai pazienti affetti da diabete è sempre stata all’avanguardia rispetto agli standard internazionali ma i dati più recenti parlano di un ulteriore miglioramento negli ultimi anni. È quanto risulta dagli “Annali AMD 2011 – Livelli di controllo metabolico, pressorio e lipidico e utilizzo dei farmaci nel diabete di tipo 2. Gli anni 2005-2009 a confronto”, presentati ieri a Roma.
Gli Annali, com’è noto, vengono redatti annualmente per iniziativa dell’Associazione Medici Diabetologi e forniscono una fotografia dello stato dell’arte dell’assistenza fornita dai centri di diabetologia su tutto il territorio nazionale, sulla base di un campione che coinvolge circa un sesto degli assistiti complessivi.
Uno strumento prezioso per parametrizzare la valutazione è l’utilizzazione dello Score Q, un indice variabile tra 0 e 40 che misura la qualità delle cure e dell’assistenza ai pazienti e, di conseguenza, l’efficacia nel prevenire le complicanze della malattia diabetica. In esso rientrano tutti i parametri clinici standard per definire il buon controllo del diabete, quali l’emoglobina glicosilata (HbA1c) al di sotto dell’8 per cento, la pressione arteriosa inferiore a 140/90mmHg e il colesterolo LDL a meno di 130mg/dl, oltre all’impiego dei farmaci adatti alla protezione renale in caso di microalbuminuria. [continua…]

 
Fonte MediciOggi.Springer.com, 1 febbraio 2012

Potrebbero interessarti

  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia
  • 7 gennaio 2017Prevenzione e cura del piede diabeticoLa cura quotidiana dei piedi è essenziale per la persona con diabete, per mantenerli sani, per facilitare la rapida identificazione di eventuali alterazioni e per prevenire il piede diabetico, una complicanza subdola e invalidante che se diagnosticata precocemente può essere contrastata in modo efficace. Posted in Complicanze
  • 12 gennaio 2017Piemonte: la nuova Rete Territoriale Endocrino-DiabetologicaIl dottor Alessandro Ozzello, Presidente della Sezione AMD Piemonte-Valle D’Aosta e direttore del Servizio di Diabetologia Ospedale Pinerolo Asl Torino 3, commenta le trasformazioni del modello esistente, in seguito all'approvazione della Delibera della Giunta Regionale, n. 27-4072 del 17.10.2016 e illustra i cambiamenti positivi per la presa in carico di persone con diabete mellito. Posted in Regioni