Centri di diabetologia: sempre più qualità nell’assistenza ai pazienti

Presentati a Roma gli Annali AMD 2011. L’assistenza medico-sanitaria ai pazienti affetti da diabete è sempre stata all’avanguardia rispetto agli standard internazionali ma i dati più recenti parlano di un ulteriore miglioramento negli ultimi anni. È quanto risulta dagli “Annali AMD 2011 – Livelli di controllo metabolico, pressorio e lipidico e utilizzo dei farmaci nel diabete di tipo 2. Gli anni 2005-2009 a confronto”, presentati ieri a Roma.
Gli Annali, com’è noto, vengono redatti annualmente per iniziativa dell’Associazione Medici Diabetologi e forniscono una fotografia dello stato dell’arte dell’assistenza fornita dai centri di diabetologia su tutto il territorio nazionale, sulla base di un campione che coinvolge circa un sesto degli assistiti complessivi.
Uno strumento prezioso per parametrizzare la valutazione è l’utilizzazione dello Score Q, un indice variabile tra 0 e 40 che misura la qualità delle cure e dell’assistenza ai pazienti e, di conseguenza, l’efficacia nel prevenire le complicanze della malattia diabetica. In esso rientrano tutti i parametri clinici standard per definire il buon controllo del diabete, quali l’emoglobina glicosilata (HbA1c) al di sotto dell’8 per cento, la pressione arteriosa inferiore a 140/90mmHg e il colesterolo LDL a meno di 130mg/dl, oltre all’impiego dei farmaci adatti alla protezione renale in caso di microalbuminuria. [continua…]

 
Fonte MediciOggi.Springer.com, 1 febbraio 2012

Potrebbero interessarti

  • 27 ottobre 2017Diabete: le novità dei nuovi LEAI nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) sono stati pubblicati sulla G.U. del 18 marzo 2017, Supplemento n. 15 (DPCM 12 gennaio 2017); con tale decreto sono stati ridefiniti il numero e tipo di prestazioni delle quali i cittadini italiani potranno usufruire gratuitamente o a seguito del pagamento di una quota di partecipazione. Posted in Italia
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017