Città di Castello: Un nuovo ossimetro transcutaneo per affrontare il piede diabetico

Città di Castello: Un nuovo ossimetro transcutaneo per affrontare il piede diabeticoGrazie alla determinazione dell’Associazione “Il cammino”, il Servizio di Diabetologia dell’Ospedale Tifernate di Città di Castello ha da oggi in dotazione un nuovo strumento per la diagnosi del piede diabetico: un ossimetro transcutaneo che consente di misurare la pressione parziale dell’ossigeno nei casi di piede diabetico, una della più invalidanti e temibili complicanze diabetiche che si associa a gravi conseguenze sul piano personale, sociale e sanitario.
Alla consegna dello strumento, hanno presenziato tutti i responsabili coinvolti: Diamante Pacchiarini, direttore sanitario della USL 1, Modesto Urbani, presidente dell’Associazione “Il cammino”, Italo Cesarotti, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Città di Castello, Riccardo Carletti, assessore comunale e Roberto Norgiolini, responsabile del Servizio Diabetologia della Usl Umbria 1.

Un altro passo avanti per migliorare la diagnosi e il trattamento del diabete
È quanto ha sottolineato il direttore sanitario Pacchiarini presentando questa generosa donazione che garantirà un miglioramento per il Servizio di Diabetologia nelle capacità diagnostiche e terapeutiche nell’ambito dei servizi rivolti ai pazienti diabetici. Vale la pena ricordare che il Servizio di Diabetologia di Città di Castello, Centro di eccellenza, è da sempre all’avanguardia per l’utilizzo di servizi tecnologici di avanguardia; un anno fa circa è partita proprio da qui una sperimentazione di telemedicina domiciliare applicata al diabete mellito tipo 2. “L’ossimetria transcutanea – ha spiegato il dottor Norgiolini, responsabile del Servizio – è un esame semplice, non invasivo e indolore che si rivela molto utile in termini nella  prevenzione e nella diagnosi precoce delle lesioni del piede diabetico”.

Modesto Urbani, presidente dell’Associazione diabetici Il Cammino Alta Valle del Tevere Onlus ha ringraziato per il contributo anche la Fondazione Caricast. Lo sforzo fatto, ha ricordato, ha l’obiettivo primario di migliorare la vita delle persone diabetiche e vuole continuare sul percorso tracciato. Lo strumento donato è costato undicimila euro e per completarlo serve un ulteriore investimento di novemila euro.

Fonte
Diabete, l’associazione il cammino dona un ossimetro all’ospedale tifernate

Potrebbero interessarti

  • 16 febbraio 2017Corso di acquaticità aperto alle future mamme con diabeteAll’Ospedale Niguarda di Milano è possibile partecipare a un corso di acquaticità in gravidanza rivolto alle gestanti con diabete (sia gestazionale, sia pre-gestazionale, di tipo 1 o 2) che vogliono prepararsi o migliorare il lungo periodo della gravidanza, ricavandone grandi benefici per se stesse e per il futuro neonato! Posted in Diabete gestazionale
  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1
  • 12 gennaio 2017Piemonte: la nuova Rete Territoriale Endocrino-DiabetologicaIl dottor Alessandro Ozzello, Presidente della Sezione AMD Piemonte-Valle D’Aosta e direttore del Servizio di Diabetologia Ospedale Pinerolo Asl Torino 3, commenta le trasformazioni del modello esistente, in seguito all'approvazione della Delibera della Giunta Regionale, n. 27-4072 del 17.10.2016 e illustra i cambiamenti positivi per la presa in carico di persone con diabete mellito. Posted in Regioni