Come viene diagnosticata la neuropatia vegetativa?

La diagnosi iniziale viene eseguita attraverso un’accurata anamnesi integrata dall’esame dei riflessi cardiovascolari con l’ausilio di una batteria di semplici test che si basano sulla modificazione della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa.

 

Ipotensione ortostatica
Il medico ti fa stendere supino su un lettino e misura la pressione arteriosa al braccio sinistro fino che si stabilizza. Quindi ti fa alzare in piedi rapidamente (entro 3 secondi) e misura la pressione arteriosa ai tempi 30-60-90-120 secondi.

 

Deep breathing
E’ una serie di espirazioni e inspirazioni profonde da eseguire in posizione sdraiata, ciascuna in 5 secondi (6 atti respiratori al minuto). Si calcola la media delle differenze tra la massima frequenza in inspirazione e la minima in espirazione.

 

Lying to standing
Si è invitati ad alzarsi e mettersi in piedi dopo essere stati 5 minuti a riposo in posizione supina su un lettino.

 

Manovra di Valsalva
Espirazione forzata contro resistenza. Il medico ti chiede di soffiare a glottide aperta in un manometro e a mantenere una pressione di 40 mmHg per 15 secondi, al termine dei quali si ritorna a respirare normalmente.

 

 

Potrebbero interessarti

  • 13 agosto 2017Neuropatia Diabetica: l’ultimo Position Statement dell’ADANel gennaio 2017, l’American Diabetes Association (ADA) ha pubblicato su “Diabetes Care”, un Position Statement sulla neuropatia diabetica. È un documento aggiornato che rappresenta la posizione e il punto di vista dell’Associazione sulla complicanza diabetica più frequente. Posted in Neuropatia
  • 27 settembre 2017Diabete tipo 1: La ricerca va incontro ai bisogni dei ragazziMigliorare la qualità di vita delle persone con diabete di tipo 1 oggi si può: il futuro è sempre più vicino. Un board di diabetologi pediatri ha presentato un nuovo documento per raccomandare l’utilizzo del sensore per il monitoraggio della glicemia il 100% del tempo negli adolescenti con diabete di tipo 1. Posted in Nuove tecnologie
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio