Complicanze macrovascolari aumentano il ricorso a servizi sanitari per pazienti diabetici

I pazienti diabetici con complicazioni macrovascolari (MVC) utilizzano maggiormente le risorse messe a disposizione dall’assistenza sanitaria rispetto a coloro che soffrono di diabete ma senza complicazioni vascolari.
A dimostrarlo sono i risultati di uno studio pan-europeo, che confermano quanto già evidenziato da studi minori: i soggetti diabetici con MVC fanno registrare un livello maggiore di ospedalizzazioni, visite ambulatoriali e di Pronto soccorso e di procedure mediche e chirurgiche.
I ricercatori hanno utilizzato i dati provenienti dallo studio osservazionale RECAP-DM (Real-Life Effectiveness and Care Patterns of Diabetes Management) che ha coinvolto 1942 pazienti con diabete di tipo 2 in diverse nazioni quali Spagna, Francia, Gran Bretagna, Norvegia, Finlandia, Germania e Polonia, di cui 432 con MVC e 1510 senza MVC. I risultati hanno mostrato una propensione di 1.49 volte superiore in pazienti con MVC a ricorrere alle visite ambulatoriali ogni anno e 0.32 giorni in più trascorsi in ospedale rispetto a diabetici senza complicazioni vascolari.
Anche nell’utilizzo di altri servizi, quali il ricovero in ospedale e le procedure medico-chirurgiche, è stata riscontrata un valore significativamente superiore per i pazienti con MVC.
Questi risultati forniscono la conferma che la compresenza di diabete e disturbi vascolari aumenta il ricorso a servizi sanitari e, di conseguenza, la spesa che la sanità pubblica deve affrontare ogni anno.

 

 
Fonte: 29 gennaio 2010, Diabetes, Obesity and Metabolism

Potrebbero interessarti

  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 2 febbraio 2017Ho il diabete, non sono il diabeteQuanto conta il coinvolgimento attivo della persona con diabete nel suo percorso di cura? Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Serena Barello**, della Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore durante un recente convegno organizzato dall’Associazione Diabetici della Provincia di Milano Onlus, presieduta dalla d.ssa Maria Luigia Mottes. Posted in Psicologia
  • 19 marzo 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi