Con meno calorie si vive più a lungo

Ridurre la quantità di calorie che si assumono ogni giorno, non solo per avere una linea più snella ma per vivere meglio, più a lungo e ridurre il rischio di cancro e di diabete di tipo 2: questa la conclusione di una ricerca svedese condotta sulle funzioni della perossiredossina 1, un enzima coinvolto nel processo di rallentamento dell’invecchiamento, necessario per attivare le funzioni antiossidanti delle cellule e abbassare i livelli di perossido d’idrogeno.
L’invecchiamento diminuisce l’efficacia della perossiredossina ma un altro enzima, l’Srx 1, l’aiuta a riprendere le sue funzioni; quest’ultimo enzima, un vero riparatore naturale, si attiva in seguito alla diminuzione dell’apporto calorico, aumentando vitamine e minerali e diminuendo gli zuccheri. La riduzione dell’apporto calorico giornaliero contribuisce dunque a contrastare l’invecchiamento proteggendo i tessuti e le funzioni vitali; l’alimentazione deve comunque essere ricca di tutti gli elementi necessari all’organismo, come le vitamine e i minerali, e gli altri elementi utili contro l’invecchiamento come gli antiossidanti contenuti in vari tipi di verdure, nelle mele e nell’aglio.
L’enzima perossiredossina 1 non solo protegge dal cancro e dal diabete di tipo 2 ma sembra che protegga anche da altre patologie frequenti nella vecchiaia come la malattia di Parkinson o il morbo di Alzheimer.
I ricercatori del dipartimento di Biologia molecolare e cellulare dell’Università di Göteborg, che hanno condotto lo studio, raccomandano anche di iniziare prima possibile a diminuire il consumo di calorie perché così si inizia prima a contrastare l’invecchiamento.

 

 

 

 

Fonte 1 novembre 2011, corriere.it

Potrebbero interessarti

  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1
  • 16 febbraio 2017Insulina degludec rimborsabile (classe A) anche in bambini e adolescentiIl 10 febbraio è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Determina dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) per la rimborsabilità dell’indicazione in pediatria dell’insulina degludec (Tresiba®) per il trattamento del diabete tipo 1 in bambini dall’età di 1 anno. Posted in NEWS - 2017
  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie