Condizioni di pre-diabete aumentano il rischio di malattie cardiovascolari

Tenere sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue, in particolar modo in soggetti che sono già in uno stadio di pre-diabete, è fondamentale per preservare la salute dei vasi sanguigni e per prevenire molte malattie vascolari.
A sostenerlo è un gruppo di ricercatori della Wake Forest University School of Medicine del North
Carolina, negli USA, che basandosi sui dati raccolti dal Mesa (Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis) è giunto alla conclusione che il diabete di tipo 2 e una glicemia a digiuno alterata siano associati a un rischio maggiore di incorrere in malattie cardiovascolari.
I soggetti presi in considerazione per lo studio, tutti di età compresa tra i 45 e gli 85 anni, sono stati suddivisi in 3 gruppi: il primo formato da 845 persone con un livello di glicemia a digiuno alterato, il secondo composto da 414 individui affetti da diabete di tipo 2 e il terzo costituito da 2240 persone con un livello di glicemia a digiuno normale.
Dopo aver sottoposto a risonanza magnetica ciascun soggetto, i ricercatori hanno evidenziato alcune differenze tra i tre gruppi di individui: la rigidità vascolare complessiva era di gran lunga peggiore nelle persone con glicemia a digiuno alterata rispetto a quelle con glicemia nella norma, mentre la rigidità dell’aorta toracica prossimale e della massa ventricolare sinistra erano pressoché uguali per gli individui con glicemia alterata e normale, ma notevolmente maggiori nei malati di diabete.
Questo perché, secondo gli esperti, è necessaria una prolungata esposizione a alti livelli di glucosio nel sangue per aumentare la rigidità dell’aorta toracica prossimale, ipotesi confermata dal fatto che tale rigidità fosse molto più marcata in soggetti in cura per il diabete da più di 6 anni.

 

 
Fonte: Diabetes 2009; 58: 946–953

Potrebbero interessarti

  • 22 aprile 2017Colesterolo “cattivo” e colesterolo “buono”. Perché?Il colesterolo è un particolare grasso (o lipide) che si trova esclusivamente negli alimenti di origine animale e può essere sintetizzato anche dal nostro organismo. E’ una molecola di grande importanza e utilità biologica, componente di tutte le membrane cellulari e del rivestimento di mielina che ricopre i nervi. Posted in Grassi
  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 26 giugno 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi