Consumo di carne trattata aumenta rischio diabete e disturbi cardiovascolari

I risultati di una recente analisi suggeriscono che le persone che consumano 50 grammi o più di carne trattata al giorno hanno un rischio significativamente maggiore di incorrere in diabete e malattia coronarica (CHD). Questo rischio non viene tuttavia incrementato dal consumo di semplice carne rossa.
Sebbene le linee guida dei nutrizionisti suggeriscano di ridurre il consumo di carne, studi precedenti avevano mostrato risultati differenti nello studio della relazione tra consumo di carne e rischio di disturbi cardiovascolari e diabete. Spesso, spiegano i ricercatori dell’ Harvard University di Boston,nel Massachusetts, negli studi non si faceva alcuna distinzione tra consumo di carne rossa trattata e non.
In questo caso sono invece stati inclusi nell’analisi 20 studi, 17 studi prospettici e 3 studi su casi di controllo, coinvolgendo un totale di 1,218,380 pazienti, dei quali 23,889 con disturbi cardiovascolari, 10,797 diabetici e 2280 con precedenti episodi di infarto. In questi precedenti studi il consumo di 100 o più grammi di carne al giorno non veniva associata a una maggior predisposizione a disturbi cardiovascolari o diabete. Tuttavia, effettuando la distinzione tra carne trattata e non, emergeva un netto aumento del rischio per coloro che consumavano 50 grammi o più di carne del primo tipo al giorno, in particolare il rischio aumentava fino al 42% per disturbi cardiovascolari e del 19% per il diabete.
La ragione di questa distinzione è da ricercare negli elementi contenuti nei due tipi di carne: pur presentando lo stesso livello di grassi e colesterolo infatti, la carne trattata contiene maggiori quantità di sale e di nitrati per conservare.

 

 
Fonte: 18 maggio 2010, Circulation

Potrebbero interessarti

  • 18 gennaio 2017La dermopatia diabetica (“shin spots”): che cos’è?Il diabete di tipo 2, essendo una malattia metabolica, ha conseguenze su molti organi del nostro corpo, compresa la cute. La dermatopatia diabetica è tra le manifestazioni cutanee più comuni tra i diabetici di lunga data. Posted in Diabete e prurito
  • 28 dicembre 2016A Novara presentato il progetto “Peer Therapy” per gli adolescenti con DT1La “Peer Therapy” come strategia di promozione della salute rappresenta oggi uno dei percorsi più interessanti ed efficaci nella prevenzione dei comportamenti a rischio ed è un efficace modello di lavoro con gli adolescenti per lo sviluppo di reali processi di autonomia ed empowerment personale. Posted in Fabio Braga
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia