Contro obesità e diabete un rimedio dalla molecola dell’uva

Un nuovo farmaco, per ora sperimentato soltanto sui topi, previene il diabete e l’aumento di peso.
Lo Srt 1720, questo il suo nome, è basato sul  resveratrolo, una molecola naturale con elevato effetto antiossidante, presente soprattutto dalla buccia dell’uva; rispetto ai topi cui non era stato somministrato, a parità di età e di peso, i topi obesi che hanno assunto il nuovo farmaco hanno vissuto il 44% in più.
Rafael de Cabo, il gerontologo del National Institute of Aging di Bethesda, spiega: «Per la prima volta abbiamo dimostrato la possibilità di costruire nuove molecole, sicure ed efficaci, capaci di influenzare la longevità e di prevenire le malattie legate all’invecchiamento». In piccole quantità il resveratrolo è presente nel vino rosso e può contrastare l’accumulo di grassi, anche in caso di dieta ipercalorica ma ne sono necessarie grandi quantità, per questo, alcuni ricercatori in una piccola azienda americana hanno creato una copia chimica della molecola, efficace in dosi più basse e l’hanno sperimentata con successo sui topi; la Srt 1720 induce il metabolismo a bruciare più grassi e aumenta la sensibilità all’insulina, proteggendo così dal diabete che spesso è legato all’obesità.
Prima di sperimentare il nuovo farmaco sugli uomini saranno però necessari ulteriori approfondimenti e, come hanno anticipato i ricercatori, una nuova molecola, la Srt 2104. Richard Miller, esperto di problemi dell’invecchiamento dell’University of Michigan, osserva: «Sarebbe stato più interessante se avessero dimostrato questi effetti in topi normali e non obesi». Lo studio è stato pubblicato su Scientific Reports, la nuova rivista edita da Nature Publishing Group.

 

 

Fonte 19 agosto 2011, corriere.it

Potrebbero interessarti

  • 14 settembre 2017Metformina nelle donne con precedente diabete gestazionale: previene il diabete?La somministrazione di metformina a lungo termine (15 anni) in donne che hanno sofferto di diabete gestazionale durante la gravidanza sembra essere particolarmente efficace nel prevenire l’insorgenza di diabete di tipo 2, e potrebbe giustificare un maggiore utilizzo preventivo nelle donne a rischio elevato. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia
  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia