Dalla bocca le staminali contro diabete e demenza

Una ricerca condotta dall’Università di Tel Aviv apre nuovi scenari per la cura del diabete, delle malattie neurodegenerative, di quelle autoimmuni e dei disturbi cardiaci: nella bocca ci sono cellule staminali che hanno un comportamento simile a quelle embrionali e non invecchiano, anche nelle persone anziane.
Gli studiosi israeliani, coordinati da Sandu Pitaru, hanno dimostrato nella loro ricerca che basta un frammento di pochi millimetri (1x2x3) per ottenere un trilione di cellule staminali, da cui ottenere cellule differenziate e tessuti diversi, come neuroni, osso, cartilagine, muscolo.
Spiega Pitaru: «Grazie alla presenza di queste cellule staminali nella bocca le ferite guariscono per rigenerazione, cioè il tessuto regredisce completamente al suo stato originale». Queste cellule si comportano come quelle fetali, ma senza i problemi etici legati al loro utilizzo o ai problemi di sicurezza che possono creare le staminali adulte, dovuti al loro invecchiamento naturale. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Stem Cell.
 
Fonte 23 agosto 2011, ansa.it

Potrebbero interessarti

  • 2 novembre 2016Il metodo WALIl Metodo WAL è un metodo di allenamento insieme fisico e mentale che regala agilità, salute e gioventù sia al corpo che al cervello. Posted in Guide generali
  • 2 novembre 2016Il Metodo WAL nella prevenzione del diabeteIntervista alla dott.ssa Annamaria Crespi, psicologa, ideatrice e promotrice del metodo WAL e autrice del libro: “Il metodo WAL (Walk And Learn) Previeni, impara, cammina”, Morlacchi Ed, 2014. Posted in Prevenzione e Terapia
  • 2 novembre 2016DT1: Tre riflessioni sul trapianto di pancreas o di isoleNel corso di un recente incontro organizzato da AGD Bologna al Policlinico Sant’Orsola, il 24 ottobre 2016, abbiamo ascoltato l’intervento del Dott. Giacomo Lanzoni, del team del Prof Luca Inverardi e Camillo Ricordi, Diabetes Research Institute, University of Miami. Posted in Ricerca scientifica