Diabete ed esercizio fisico: aspetti psicologici

Diabete ed esercizio fisico: aspetti psicologici

Di Simona Novi, Psicologa e Psicoterapeuta, Centro Medico Fontana, Nocera Superiore e Dario Rago, Medical Trainer, Salerno

La pratica dell’esercizio fisico non è un processo automatico ma richiede motivazione, partecipazione attiva e costanza. In una persona diabetica è possibile che questi elementi pur essendo presenti siano “coperti” dalla paura o dall’ansia.
In questo caso essere seguiti da uno psicologo, può rendere più agevole il trattamento implementato dal personal trainer sotto supervisione costante.

 

Attraverso un percorso di supporto psicologico, la persona diabetica può diventare consapevole di quale sia il suo stato di accettazione della malattia, se la evita oppure l’amplifica. Non di rado, la percezione individuale che il soggetto può avere del diabete, lo costringe in una condizione di abbattimento e isolamento sociale e di deprivazione delle normali attività fisiche. Dietro questa paura si cela spesso il ricordo di un evento traumatico vissuto personalmente, come un ricovero per ipoglicemia, oppure la perdita di una persona cara affetta dalla stessa patologia. L’ansia continua legata alla penosa attesa che possa verificarsi uno scompenso glicemico, può diventare un impedimento ad una partita di calcio, ad una corsa in bici, ad una passeggiata in montagna con amici.

Lo sport e l’attività fisica in genere – quando moderata e costante – non sono solo uno strumento efficace per raggiungere uno stile di vita sano, per migliorare la qualità della propria vita ma diventano anche occasioni piacevoli di socializzazione, condivisione e aggregazione. Il proprio mondo interiore va esplorato, esattamente come un percorso a ostacoli in bici, bisogna andare alla ricerca di quelle emozioni alle quali si attribuisce una tonalità negativa ed essendo supportati adeguatamente, si può cambiare la rotta del proprio percorso. Il cambiamento di tendenza che ne può scaturire, non mira, certo a guarire dal diabete, ma a tenerlo sotto controllo il più a lungo possibile.
Infatti una delle sconfitte più clamorose che il diabete può infliggere è quella di relegare chi ne è affetto in uno stato di deprivazione, evitamento delle attività considerate pericolose (tra cui anche l’esercizio fisico), di isolamento sociale.
Una persona diabetica ha il diritto e merita una vita di qualità, che con i dovuti accorgimenti può essere un’esistenza che aggiunge vita, che costruisce, che progetta, al pari di una persona non affetta da diabete.

Non farti abbattere dal diabete, mettilo nell’angolo ma non farti mettere all’angolo

Seguendo i consigli di un personal trainer preparato in materia è possibile svolgere esercizio fisico con costanza e determinazione. Nel 2009 è la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità a scrivere: “Se esistesse un farmaco in grado di dare gli stessi effetti benefici dell’esercizio fisico sarebbe la medicina più prescritta al mondo”. Oggi quel farmaco è a nostra disposizione, si chiama Medical Exercise, costa meno di tutti e i suoi benefici sono inimmaginabili. Molti sono i benefici che può fornire alla persona diabetica: • aumenta la resistenza all’insulina, • previene le patologie cardiovascolari, • riduce i livelli di trigliceridi VLDL, • aumenta il colesterolo buono (HDL-colesterolo) e riduce il colesterolo cattivo (LDL-colesterolo), • favorisce la perdita di peso, regola i livelli di pressione arteriosa, • stabilizza i valori dell’emoglobina glicata, • migliora l’autostima e l’efficienza fisica generale.
Serve solo mezz’ora di impegno quotidiano per vivere 23 ore e mezza di benessere al giorno.

 

Fonti

Global recommendations on physical activity for health

– Veronesi U – La grande sfida. Fondazione Umberto Veronesi, La Gazzetta dello Sport, CdS, RCS Ed, Milano 2013

– Veronesi U – Il libro della salute. Fondazione Umberto Veronesi, La Gazzetta dello Sport, CdS, RCS Ed, Milano 2012

– Brambilla L – Cuore, fitness e salute. Prevenire con il farmaco del futuro: l’esercizio fisico. Mattioli 1885 Ed, 2010

– Regelin P, Mommert-Jauch P – Dimagrire con il Nordic Walking. Red Ed, Milano 2009

– Roberts M – Manuale completo di fitness. Mondadori Ed, 2003

– Il ritratto della salute – Tutti in forma per ogni età. Giunti Ed, progetti educativi, Firenze, 2013

Potrebbero interessarti

  • PrediabetePrediabete: che cosa si intende?13 ottobre 2016In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

    Continua a leggere

  • Terapia del diabeteLa terapia a gradini del diabete di tipo 2 (DT2)7 settembre 2016Quando si scopre di avere il diabete di tipo 2, la cosa più importante da fare è informarsi in modo adeguato su questa malattia e stabilire con il proprio specialista la più appropriata strategia terapeutica.

    Continua a leggere

  • Diabete al femminileLa medicina di genere14 novembre 2016La Medicina di genere è finalizzata a garantire l’appropriatezza della terapia a ogni persona, uomo o donna che sia, rafforzando il concetto della centralità del singolo paziente che il medico si trova davanti e alle sue specifiche esigenze di salute.

    Continua a leggere