Diabete: uno stile di vita sano lo previene anche in tarda età

La maggior parte dei casi di insorgenza di diabete di tipo 2, anche in persone non più giovanissime, è riconducibile alla presenza di uno stile di vita non sano e di abitudini che favoriscono lo sviluppo di questa malattia.
Lo sostengono i ricercatori della Harvard School of Public Health di Boston, USA, che hanno condotto uno studio per capire se, con una prevenzione mirata sull’adozione di uno stile di vita più sano, sia possibile diminuire il rischio di ammalarsi di diabete anche quando si è entrati nel periodo della terza età.
La ricerca ha coinvolto 4883 persone di entrambi i sessi, con più di 65 anni (l’età media del gruppo era di 73 anni) che sono state classificate come “a basso rischio” nel caso in cui presentassero determinati fattori, tra i quali: attività fisica svolta regolarmente; bassi livelli di grassi trans e basso indice glicemico, una dieta ricca di fibre e di acidi grassi polinsaturi; bassi consumi di alcol; indice di massa corporea inferiore a 25 kg/m2 e una circonferenza della vita inferiore a 88 cm per le donne e inferiore a 92 cm per gli uomini.
Anche il fatto di essere fumatori, o di esserlo stati in passato, costituisce un fattore di rischio: sono stati perciò considerati a basso rischio solo coloro che non avevano mai fumato o che avevano smesso da almeno 20 anni.
Dallo studio è emerso che ciascuna categoria di fattori di rischio era associata con l’insorgenza del diabete di tipo 2, al punto che i soggetti che rispondevano a tutti i criteri previsti dal gruppo “a basso rischio” avevano l’89% di probabilità in più di non sviluppare il diabete rispetto a coloro che presentavano almeno uno dei fattori di rischio elencati.
Il consiglio degli esperti è quindi quello di prestare molta attenzione alla dieta e al proprio stile di vita anche una volta entrati nella terza età per evitare l’insorgenza di malattie come il diabete.

 
FonteArchives of Internal Medicine 2009; 169: 798–807

Potrebbero interessarti

  • 6 dicembre 2017Torino: nuova tappa del Cities Changing Diabetes® ProgramNella Città metropolitana, capoluogo della Regione Piemonte, risiedono quasi 121 mila persone con diabete, il 5,3 per cento della popolazione censita, un record negativo per il Nord Italia; dagli esperti un invito alle amministrazioni cittadine a farsi carico della promozione della salute e della prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili come diabete tipo 2 e obesità. Posted in Mondo, Europa
  • 31 dicembre 2017Adesione alla terapia per il diabeteL’adesione alla terapia antidiabetica è uno dei principali fattori che concorrono al buon controllo del diabete nel tempo e al minor rischio di complicanze. Una scarsa aderenza terapeutica ha ricadute negative sul controllo della malattia. Posted in Adesione alla terapia
  • 18 gennaio 2018Diabulimia e altri disturbi del comportamento alimentareLa diabulimia è un disturbo del comportamento alimentare in crescente aumento soprattutto tra le giovani adolescenti affette da diabete di tipo 1 che – per dimagrire – riducono o addirittura evitano di somministrarsi le dosi di insulina giornaliere necessarie al normale controllo del diabete. Posted in Aspetti psicologici