Diabete: verso una svolta positiva nella regione Marche

FAND – Associazione Italiana Diabetici esprime soddisfazione per il buon esito dell’audizione in Commissione Salute della Regione Marche, nella quale si è affrontato il tema della strutturazione della rete diabetologica regionale.

La proposta: creare un unico Dipartimento diabetologico strutturale regionale

“Il progetto di riordino complessivo delle reti cliniche, intrapreso lo scorso settembre dall’Amministrazione regionale nell’ottica del contenimento della spesa pubblica, prevedeva un forte ridimensionamento della rete diabetologica, in netto contrasto con la Legge regionale 23 febbraio 2009 n. 1, che per prima in Italia ha realizzato un sistema integrato di prevenzione e cura della malattia diabetica e delle sue complicanze, con prestazioni uniformi, appropriate e qualificate, e garantendo, in particolare, la gestione integrata della persona con diabete”, spiega Emilio Augusto Benini, Coordinatore regionale FAND-Associazione Italiana Diabetici e Presidente ATDM-Federazione regionale delle associazioni di tutela dei diritti dei diabetici marchigiani.

Le associazioni erano prontamente intervenute proponendo al Governo regionale un’alternativa: “la creazione di un unico Dipartimento diabetologico strutturale regionale, che coordini le attività di prevenzione e cura erogate dai 15 centri di diabetologia presenti sul territorio della Regione, preservandone l’autonomia gestionale e tutelando le specificità dell’assistenza pediatrica e del piede diabetico. Una soluzione che risponde sia all’obiettivo di riordino del sistema, sia a quello di salvaguardare quanto di buono la nostra amministrazione regionale ha sin qui fatto nell’interesse delle persone con diabete”, aggiunge Maria Rosa Zampa, Vicepresidente ATDM.
Tuttavia questa proposta non aveva ricevuto molte attenzioni, sino a venerdì scorso.

“Nel corso di un incontro dedicato con la Commissione Salute, l’attesa svolta – sottolinea Benini -, con l’impegno assunto dal Presidente Gianluca Busilacchi, di intervenire a favore della creazione del dipartimento da noi caldeggiato.”

All’incontro con la Commissione salute ha partecipato anche il Presidente nazionale FAND, Egidio Archero, che ha dichiarato: “l’incontro ha dato riscontri positivi; la proposta di creare un dipartimento regionale strutturale ha trovato un’adesione convinta da parte dei membri della Commissione. Va dato giusto merito alla Federazione ATDM e a tutte le associazioni di persone con diabete marchigiane per la seria proposta avanzata, nel segno dell’autonomia operativa delle strutture diabetologiche raccordate tra i diversi livelli, ospedalieri e territoriali. L’impegno profuso in questi mesi, con la raccolta di quasi 20mila firme a favore della proposta, ha evidenziato come le persone condiabete ed i loro familiari sentano profondamente la necessità di strutture ospedaliere e territoriali che operino applicando percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali uniformi in tutta la regione.”

Fonti:
ATDM – Federazione Regionale Associazioni Diabetici Marchigiani

Potrebbero interessarti

  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia
  • 11 agosto 2017L’impatto del diabete in ItaliaOggi diamo i numeri sul diabete! Non per alimentare preoccupazioni, non per creare ansie ma per conoscere meglio l’entità e la crescita della malattia, per esserne più consapevoli. Posted in Italia
  • 25 settembre 2017Diabete tipo 1: la ricerca scientifica di Novara passa dal DRI di MiamiFirmato un importante accordo di collaborazione tra la Diabetologia dell’ Ospedale Maggiore della Carità di Novara e il Diabetes Research Institute (DRI), centro di eccellenza di Miami diretto dal professor Camillo Ricordi, che ha costruito e realizzato la tecnica e le strutture per il trapianto di insule pancreatiche nell'adulto con diabete. Posted in Fabio Braga