Diabetici: caffè non aumenta il rischio di malattie cardiovascolari

Bere caffè è un’abitudine diffusa in tutto il mondo che da sempre genera dibattiti sui possibili effetti nocivi e benefici che può provocare dal punto di vista della salute.
Un gruppo di ricercatori della Harvard University di Boston ha di recente affermato che consumare caffè regolarmente non aumenta il rischio di malattie cardiovascolari (come infarto miocardico non-fatale, ictus e  malattia coronarica del cuore) e di mortalità negli uomini affetti da diabete di tipo 2.
La conclusione degli esperti è stata raggiunta in seguito a uno studio condotto su 3497 uomini tra i 40 e i 75 anni, diabetici e senza precedenti casi di malattie cardiovascolari.
I ricercatori hanno determinato il consumo totale di caffeina e il numero di tazze di caffè bevute in media ogni settimana per ciascun individuo,ogni 4 anni dal 1986 al 2002. Dalle osservazioni compiute sui pazienti in questo lasso di tempo è emerso quindi che gli uomini che bevevano 4 tazzine di caffè al giorno o più non avevano un rischio di incorrere in malattie cardiovascolari o di mortalità maggiore rispetto ai pazienti che non consumavano affatto caffè.

 

 

FonteDiabetes Care 2009; 32: 1043-1045

Potrebbero interessarti

  • 11 novembre 2016Girovita: diamogli un taglioManiglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore. Posted in Indici e calcoli, Area interattiva
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 25 novembre 2016L’Uruguay e l’arrivo in BrasileL'Uruguay è probabilmente lo stato meglio sviluppato del Sudamerica. La qualità del cibo è ottima, almeno a giudicare da quello che vedevo nei mercati e nei ristoranti, ma i costi mi hanno costretto a cucinare praticamente sempre da solo in ostello. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni