Diabetici: deficit cognitivi e ipercortisolemia mattutina

È noto che nei roditori e nell’uomo livelli elevati di glucocorticoidi si associano a un aumento del rischio di deficit cognitivi e che le persone con diabete di tipo 2 rischiano maggiormente il deterioramento cognitivo. Per studiare e confermare questo rapporto i ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno svolto uno studio su oltre mille fra uomini e donne con diabete di tipo 2 e di età compresa fra i 60 e i 75 anni.
Dopo aver esaminato le capacità cognitive relative alla memoria, al ragionamento, alla velocità di elaborazione delle informazioni, delle funzioni esecutive e della flessibilità mentale, oltre a un ulteriore fattore chiamato ‘g’, gli studiosi hanno valutato il rapporto fra i livelli di cortisolo plasmatici registrati il mattino a digiuno, le capacità cognitive e il cambio cognitivo stimato. Suddivisi i campioni per fasce d’età, le analisi hanno evidenziato che i livelli più alti di cortisolo non erano in relazione con il ‘g’ corrente o le performance in domini cognitivi individuali bensì con un aumento del declino stimato cognitivo, nei test della memoria di lavoro e nella velocità di processamento. Le valutazioni sono state fatte non tenendo conto dell’umore, della educazione, delle variabili metaboliche e malattie cardiovascolari.
I ricercatori hanno quindi concluso che nei diabetici anziani i livelli elevati di cortisolo sono in relazione con i deficit cognitivi relativi all’età e che per migliorare il declino cognitivo di questi pazienti potrebbe essere utile applicare strategie per ridurre l’azione del cortisolo.

 

 

 

 

Fonte: 30 marzo 2010, Diabetes Care

Potrebbero interessarti

  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 24 febbraio 2017Metformina: migliore prognosi nei pazienti con diabete tipo 2 e patologie associateI pazienti con diabete di tipo 2 avanzato raramente hanno una sola malattia cronica da gestire. Alcune comorbidità (malattie associate) come l’insufficienza renale o epatica e l’insufficienza cardiaca congestizia riducono fortemente il numero di farmaci da poter utilizzare per tenere sotto controllo i valori della glicemia in modo efficace e sicuro. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie