Diabetici: deficit cognitivi e ipercortisolemia mattutina

È noto che nei roditori e nell’uomo livelli elevati di glucocorticoidi si associano a un aumento del rischio di deficit cognitivi e che le persone con diabete di tipo 2 rischiano maggiormente il deterioramento cognitivo. Per studiare e confermare questo rapporto i ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno svolto uno studio su oltre mille fra uomini e donne con diabete di tipo 2 e di età compresa fra i 60 e i 75 anni.
Dopo aver esaminato le capacità cognitive relative alla memoria, al ragionamento, alla velocità di elaborazione delle informazioni, delle funzioni esecutive e della flessibilità mentale, oltre a un ulteriore fattore chiamato ‘g’, gli studiosi hanno valutato il rapporto fra i livelli di cortisolo plasmatici registrati il mattino a digiuno, le capacità cognitive e il cambio cognitivo stimato. Suddivisi i campioni per fasce d’età, le analisi hanno evidenziato che i livelli più alti di cortisolo non erano in relazione con il ‘g’ corrente o le performance in domini cognitivi individuali bensì con un aumento del declino stimato cognitivo, nei test della memoria di lavoro e nella velocità di processamento. Le valutazioni sono state fatte non tenendo conto dell’umore, della educazione, delle variabili metaboliche e malattie cardiovascolari.
I ricercatori hanno quindi concluso che nei diabetici anziani i livelli elevati di cortisolo sono in relazione con i deficit cognitivi relativi all’età e che per migliorare il declino cognitivo di questi pazienti potrebbe essere utile applicare strategie per ridurre l’azione del cortisolo.

 

 

 

 

Fonte: 30 marzo 2010, Diabetes Care

Potrebbero interessarti

  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 28 dicembre 2016A Novara presentato il progetto “Peer Therapy” per gli adolescenti con DT1La “Peer Therapy” come strategia di promozione della salute rappresenta oggi uno dei percorsi più interessanti ed efficaci nella prevenzione dei comportamenti a rischio ed è un efficace modello di lavoro con gli adolescenti per lo sviluppo di reali processi di autonomia ed empowerment personale. Posted in Fabio Braga