Diabetici: episodi di ipoglicemia grave riducono abilità cognitive

Durante la Diabetes UK Annual Professional Conference tenutasi a Glasgow dall’11 al 13 marzo un gruppo di studiosi ha reso noti i risultati di una ricerca volta a dimostrare che in soggetti affetti da diabete di tipo 2 i picchi di ipoglicemia grave possono causare danni a livello cognitivo.
Lo studio, condotto da Jackie Price e colleghi, ha preso in considerazione 1066 individui diabetici tra i 60 e i 75 anni a cui sono stati somministrati alcuni test per la valutazione delle abilità cognitive.
I risultati dei test sono stati utilizzati per creare un punteggio di abilità cognitiva generale definito “g”, mentre il punteggio di capacità cognitiva pre-patologica è stato definito utilizzando la Mill Hill Vocabulary Scale.
Tra i partecipanti alla ricerca, 113 avevano avuto in precedenza un episodio di ipoglicemia tanto grave da dover ricorrere a un aiuto esterno per poterlo superare. I ricercatori hanno notato come i punteggi “g” di questi 113 individui fossero nettamente inferiori ai punteggi totalizzati dai soggetti che non avevano vissuto episodi di forte ipoglicemia.
In particolare i punteggi più bassi si registravano nei test di fluidità verbale e di sequenze alfa-numeriche e nel Digit Symbol test, impiegando inoltre un tempo superiore per completare il TMT (Trail making test).
Secondo gli studiosi è necessario continuare a studiare il collegamento tra episodi di ipoglicemia grave e declino delle capacità cognitive informando inoltre i soggetti diabetici dei rischi implicati in un controllo non attento dei livelli di zucchero nel sangue.

Fonte: MedWire News, 26 marzo 2009

Potrebbero interessarti

  • Diabete di tipo 1Il diabete nei bambini “opprime” mamma e papà24 ottobre 2016La principale ansia per i genitori di un bambino con diabete? La riduzione del livello di zuccheri nel sangue e le crisi di ipoglicemia. È questo il vero incubo per 7 genitori su 10, secondo l’indagine internazionale DAWN Youth promossa da International Diabetes Federation (IDF) e International Society for Pediatric and Adolescent Diabetes (ISPAD).

    Continua a leggere

  • PrediabetePrediabete: che cosa si intende?13 ottobre 2016In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

    Continua a leggere

  • Trip Therapy Blog Claudio PelizzeniL’Amazzonia30 novembre 2016La foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi.

    Continua a leggere