Dimagrire per curare il diabete

L’80% dei pazienti diabetici è in soprappeso ma per curare la patologia è più efficace perdere peso che assumere farmaci antidiabetici. Il messaggio emerge dal Congresso nazionale Diabete-Obesità, tenutosi all’università Statale di Milano: “La morale – riassume Antonio Pontiroli, presidente dell’evento e direttore della Divisione di medicina II dell’ospedale San Paolo-Università degli Studi di Milano – è che dimagrire, nelle persone soprappeso e obese non diabetiche, è importante per prevenire la malattia. Ma in quelle diabetiche e obese, invece è fondamentale per combatterla”. Confrontando studi come UKPDS, Steno 2 e Proactive, che prevedono l’utilizzo intensivo dei farmaci, con lo studio McDonald che analizza il comportamento della chirurgia bariatrica in diabetici fortemente obesi, si nota che l’importante dimagrimento prodotto dall’intervento chirurgico riduce il rischio relativo di mortalità di quasi il 70%, a fronte di una riduzione del 30-40% ottenuta somministrando solo farmaci antidiabete.

 

 

Fonte: VIII Convegno Nazionale – Diabete-Obesità, Milano – giovedì 9 Aprile 2009

Potrebbero interessarti

  • 28 maggio 2017Diabete giovanile: tutela legale e prospettive terapeuticheDalla sala gremita del Nuovo Teatro Faraggiana di Novara una vera iniezione di speranza per la cura del diabete di tipo 1 e del diabete di tipo 2 (per chi necessita di insulina) nel corso dell’evento organizzato da Agd Novara il 6 maggio 2017. Posted in Fabio Braga
  • 30 giugno 2017Il medico di famiglia in Lombardia: punto di riferimento privilegiato per il malato cronicoLa presa in carico del paziente cronico rappresenta sicuramente la maggior sfida per qualunque Sistema Sanitario. La legge 23/15 coglie questa sfida dal punto di vista della multidisciplinarietà e dell’integrazione tra le diverse anime della presa in carico, ma il sistema può funzionare solo se garantisce “prossimità”.   Posted in Regioni
  • 30 giugno 2017Sanità lombarda: oltre 3 milioni i pazienti cronici da gestireTra i pazienti seguiti dal medico di famiglia, 1 su 3 presenta almeno una patologia cronica, che richiede un continuo monitoraggio. La recente Delibera della Regione riconosce alla figura del Medico di Medicina Generale (MMG) un ruolo centrale nel nuovo sistema di cure finalizzato alla presa in carico dei soggetti con cronicità. Posted in Regioni