Diminuire lo zucchero contro il diabete

La Sid (Società Italiana di Diabetologia) raccomanda di non superare i 50 grammi giornalieri di zucchero per gli uomini, pari a otto cucchiaini, i 40 grammi per le donne, e ancor meno per i bambini, pena danni alla salute provocati da scompensi dei trigliceridi e dell’insulino-resistenza, complicanze del diabete e fattori di rischio cardiovascolare. Lo zucchero si trova non solo nei dolci ma anche nei carboidrati, nella pasta, nei crakers, nei biscotti e nel pane bianco più che in quello integrale, che, come tutti gli alimenti integrali, aiuta invece a ridurre il colesterolo e i trigliceridi, ad abbassare il peso e migliorare la sensibilità insulinica.
Ma è piuttosto il consumo di soft drink a incrementare la quantità di zuccheri che si assumono nel corso della giornata, perché bere una bibita zuccherata prima dei pasti dà un senso di sazietà pari a zero e dunque non frena l’appetito.

 

 
FonteDiabete Oggi n. 18, dicembre 2011  / gennaio 2012

Potrebbero interessarti

  • 27 dicembre 2016L’ultimo saluto al BrasileDalla foresta amazzonica fino alle coste Nord del Brasile, era iniziato il vero e proprio viaggio all’interno di questo meraviglioso stato sudamericano. Ho navigato per cinque giorni il rio delle Amazzoni e non è stato semplice gestire il diabete di tipo 1, mio fedele compagno in questo viaggio. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 14 novembre 2016Pro e contro dei principali metodi di cotturaOccorre avere maggiore consapevolezza sul fatto che il metodo di cottura può avere un effetto molto importante sulla promozione della salute e la prevenzione di patologie croniche come il diabete di tipo 2, l'ipertensione arteriosa, i tumori. Posted in Ruolo della dieta
  • 25 novembre 2016L’Iran del velo, dei datteri e dei materassi per terra: bici-diario col diabete di tipo 1Nel giro di quarantacinque lunghi giorni, insieme a Riccardo, ho pedalato quasi 2000 km di Iran, da Nord a Sud, avendo modo di vedere panorami mozzafiato, visitare tantissime città e villaggi, dai più anonimi alle magnifiche Esfahan e Shiraz, farci incantare della raffinata architettura persiana, mangiare piatti locali (purtroppo  poco vari) e conoscere un numero spropositato di iraniani. Posted in For a piece of cake