È vero che chi soffre di diabete di tipo 1 ha l’alito che “odora di frutta”?

Una complicanza temibile del diabete di tipo 1 è la chetoacidosi che si manifesta in condizioni di carenza o assenza di insulina  in cui l’organismo non può utilizzare il glucosio come fonte energetica. In questa situazione, vengono utilizzati fonti energetiche alternative con produzione di corpi chetonici che si accumulano nel sangue determinando acidosi metabolica.

L’acetone è un corpo chetonico estremamente volatile che viene eliminato attraverso i polmoni determinando alito acetonemico all’odore di frutta.

Potrebbero interessarti

  • 30 settembre 2017Una buona prevenzione del diabete passa anche dalla salute della boccaTenere sotto controllo la parodontite aiuta a ridurre l’emoglobina glicata dello 0,4%. Lo hanno sottolineato i Diabetologi riuniti a Genova in occasione del convegno “Diabete e parodontopatia: una relazione biunivoca”, promosso dall’Associazione Medici Diabetologi (AMD). Posted in Denti e gengive
  • 27 settembre 2017Diabete tipo 1: La ricerca va incontro ai bisogni dei ragazziMigliorare la qualità di vita delle persone con diabete di tipo 1 oggi si può: il futuro è sempre più vicino. Un board di diabetologi pediatri ha presentato un nuovo documento per raccomandare l’utilizzo del sensore per il monitoraggio della glicemia il 100% del tempo negli adolescenti con diabete di tipo 1. Posted in Nuove tecnologie
  • 25 settembre 2017Diabete tipo 1: la ricerca scientifica di Novara passa dal DRI di MiamiFirmato un importante accordo di collaborazione tra la Diabetologia dell’ Ospedale Maggiore della Carità di Novara e il Diabetes Research Institute (DRI), centro di eccellenza di Miami diretto dal professor Camillo Ricordi, che ha costruito e realizzato la tecnica e le strutture per il trapianto di insule pancreatiche nell'adulto con diabete. Posted in Fabio Braga