L’esame fisico e neurologico

Che cosa valuta in genere il medico

  • Segni vitali
  • Presenza e intensità del dolore
  • Valori di pressione arteriosa in posizione supina ed eretta
  • Esame cardiovascolare per valutare presenza di: aritmie, riduzione del battito cardiaco, edema, ritardato riempimento dei capillari
  • Esame cutaneo (cute secca, altre alterazioni cutanee, temperatura…)
  • Esame accurato dei piedi (asimmetria, integrità della forma, presenza di callosità, aree arrossate o infette tra le dita, salute delle unghie, etc)
  • Esame neurologico con piccoli test per la sensibilità e mobilità nervosa (per es. test del monofilamento, valutazione dei riflessi osteo-tendinei e della forza muscolare con apposito martelletto etc)
  • Valutazione finale di tutti gli screening positivi riscontrati

Potrebbero interessarti

  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie
  • 2 febbraio 2017Struttura e funzioni delle unghieLe unghie di mani e piedi sono una particolare varietà di annessi cutanei, localizzati sulla falange distale delle dita. Oltre alla funzione protettiva quindi, esse contribuiscono a dare forza alle dita e agevolano la sensibilità tattile della presa e della motilità fine. Posted in Unghie e onicopatie
  • 8 dicembre 2016Podologo: l’esperto per la cura dei piediNelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnica), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici. Posted in Piede diabetico