Quando la mente sostiene il corpo

Preparavo da tempo questa impresa, sembrava impossibile dover fare 43 km di salita partendo da Masera (Domodossola), 259 mt s.l.m. e arrivare al Passo del Sempione, a ben 2005 mt, ci pensate! Ho accettato la sfida e grazie a volontà e determinazione ce l’ho fatta. Non vi nascondo la mia soddisfazione: del resto non diciamo sempre che la motivazione umana non ha limiti!

 

Il problema è sempre e rimane “La mia #amataglice“

La mia #amataglice è una costante che mi condiziona ogni cosa che faccio durante la giornata: è imprevedibile e in particolare in questo periodo mi sorprende con Ipo sempre più frequenti. Però, non mi sono dato per vinto, e ho voluto provare esortato anche da tre amici che si sono adattati al mio passo. Per i primi 20 km dalla partenza – sempre in salita – tutto è andato a meraviglia: gambe, profilo della glicemia e muscoli; verso i 30 km e dopo aver assunto vari integratori è arrivata la prima ipoglicemia importante; non mi sono certo scoraggiato, l’ho affrontata con una sosta e con l’assunzione di una barretta e glucosio. Alla ripartenza, però, sentivo che la situazione non era più come prima, tutto ad un tratto era cambiato qualcosa anche se faccio fatica a definire che cosa; da quel momento in poi, ho dovuto davvero darci dentro, metterci cuore, passione e soprattutto testa, non potevo fermarmi a 4-5 km dall’arrivo, volevo fortissimamente arrivare e così mi sono imposto di farcela…e pedalata dopo pedalata, ecco finalmente la tanto agognata vetta, raggiunta dopo 3 ore e 23 minuti!

 

grafico-glicemico-con-ipoglicemia

Grafico Glicemico con Ipoglicemia alle ore 12,00 (durante la salita) e successive a fine giornata.

 

Anche se non me ne rendevo conto ero soddisfatto di me stesso, nonostante il caldo, all’improvviso stanchezza, malesseri e quant’altro sembravano svaniti, breve sosta e ritorno, un ritorno veloce e agile. La voglia di tornare era tanta perché cominciavo ad accusare glicemie basse e una sensazione di vuoto in tutto il corpo. Solo il giorno dopo, al risveglio ho finalmente realizzato l’impresa che ero riuscito a fare.. impensabile per me nei giorni precedenti, ma tutto sommato la determinazione e la motivazione mi hanno aiutato a superare ogni ostacolo anche quello del Diabete e sono arrivato dove mi ero prefissato ed è stato piacevole arrivarci con degli amici e gioirne insieme.

 

Pedalando, pedalando stiamo per arrivare al Passo del Sempione.

itinerario-percorso-Braga

Itinerario dell’intero percorso. Una bella soddisfazione!

Potrebbero interessarti

  • 25 novembre 2016L’Uruguay e l’arrivo in BrasileL'Uruguay è probabilmente lo stato meglio sviluppato del Sudamerica. La qualità del cibo è ottima, almeno a giudicare da quello che vedevo nei mercati e nei ristoranti, ma i costi mi hanno costretto a cucinare praticamente sempre da solo in ostello. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 20 dicembre 2016C’è aria di grandi novità in Agd Novara: “Lo studio di Camillo Ricordi”Se ne sono accorti i numerosi genitori di bambini e ragazzi con diabete di tipo 1, riuniti sabato 17 dicembre 2016, a Novara, nell’Aula Magna dell’Ospedale Maggiore per un convegno di aggiornamento sulle attività 2016/2017. Posted in Fabio Braga
  • 18 ottobre 2016Cerano, Giornata del Diabete, 16 ottobre 2016Domenica 16 ottobre si è svolta a Cerano, in provincia di Novara, la Giornata del Diabete che quest’anno ha visto una particolare folta affluenza in piazza Crespi, dove la Croce Rossa ha organizzato una postazione per verificare gratuitamente il livello di glicemia e ricevere informazioni inerenti tale patologia. Posted in Fabio Braga