Quando la mente sostiene il corpo

Preparavo da tempo questa impresa, sembrava impossibile dover fare 43 km di salita partendo da Masera (Domodossola), 259 mt s.l.m. e arrivare al Passo del Sempione, a ben 2005 mt, ci pensate! Ho accettato la sfida e grazie a volontà e determinazione ce l’ho fatta. Non vi nascondo la mia soddisfazione: del resto non diciamo sempre che la motivazione umana non ha limiti!

 

Il problema è sempre e rimane “La mia #amataglice“

La mia #amataglice è una costante che mi condiziona ogni cosa che faccio durante la giornata: è imprevedibile e in particolare in questo periodo mi sorprende con Ipo sempre più frequenti. Però, non mi sono dato per vinto, e ho voluto provare esortato anche da tre amici che si sono adattati al mio passo. Per i primi 20 km dalla partenza – sempre in salita – tutto è andato a meraviglia: gambe, profilo della glicemia e muscoli; verso i 30 km e dopo aver assunto vari integratori è arrivata la prima ipoglicemia importante; non mi sono certo scoraggiato, l’ho affrontata con una sosta e con l’assunzione di una barretta e glucosio. Alla ripartenza, però, sentivo che la situazione non era più come prima, tutto ad un tratto era cambiato qualcosa anche se faccio fatica a definire che cosa; da quel momento in poi, ho dovuto davvero darci dentro, metterci cuore, passione e soprattutto testa, non potevo fermarmi a 4-5 km dall’arrivo, volevo fortissimamente arrivare e così mi sono imposto di farcela…e pedalata dopo pedalata, ecco finalmente la tanto agognata vetta, raggiunta dopo 3 ore e 23 minuti!

 

grafico-glicemico-con-ipoglicemia

Grafico Glicemico con Ipoglicemia alle ore 12,00 (durante la salita) e successive a fine giornata.

 

Anche se non me ne rendevo conto ero soddisfatto di me stesso, nonostante il caldo, all’improvviso stanchezza, malesseri e quant’altro sembravano svaniti, breve sosta e ritorno, un ritorno veloce e agile. La voglia di tornare era tanta perché cominciavo ad accusare glicemie basse e una sensazione di vuoto in tutto il corpo. Solo il giorno dopo, al risveglio ho finalmente realizzato l’impresa che ero riuscito a fare.. impensabile per me nei giorni precedenti, ma tutto sommato la determinazione e la motivazione mi hanno aiutato a superare ogni ostacolo anche quello del Diabete e sono arrivato dove mi ero prefissato ed è stato piacevole arrivarci con degli amici e gioirne insieme.

 

Pedalando, pedalando stiamo per arrivare al Passo del Sempione.

itinerario-percorso-Braga

Itinerario dell’intero percorso. Una bella soddisfazione!

Potrebbero interessarti

  • 6 giugno 2017Caro diario, dopo sedici anni e tanti chilometri…20 aprile 2017, Otres Beach, Cambogia: Memories…. È cominciato tutto sedici anni fa, proprio dopo le feste di Natale. Avevo appena compiuto 11 anni, facevo ginnastica artistica a livello dilettantistico e un senso di costante debolezza aveva spinto i miei genitori a farmi fare le analisi del sangue. Intanto stavo anche dimagrendo e, per evitare di scendere sotto a quei pochi quaranta […] Posted in For a piece of cake
  • 8 maggio 2017Tai chi: un’attività adatta per contrastare il declino cognitivoPochi atti inspiratori e lenti sono stati sufficienti affinché mi riappropriassi del mio ritmo naturale. Di me stesso… poi a quel punto ho iniziato la forma 108 di Tai Chi. Questa respirazione, appunto denominata respirazione diaframmatica, svolge un’importante azione sul flusso sanguigno, arricchendolo di ossigeno. Posted in T’Ai Chi Ch’Uan - Un’ avventura… nel benessere
  • 30 giugno 2017Gli ultimi 1000 km di spiagge, Ramadan e grattacieliCi troviamo in Malesia dopo un anno di avventure sui pedali: sono passati 17.000 km sotto le nostre ruote e questo mondo incredibile non ha ancora finito di stupirci. Dopo la parentesi cambogiana siamo rientrati in Thailandia e ne abbiamo seguito fedelmente la costa. Posted in For a piece of cake