FAND – ASSOCIAZIONE ITALIANA DIABETICI LOMBARDIA CONTESTA LA REGIONE SULLA GARA D’APPALTO PER LA FORNITURA DEI PRESIDI PER DIABETICI

monitoraggio-diabete“Esprimiamo contrarietà e sosteniamo la preoccupazione già espressa in occasione della Giornata mondiale del diabete 2015 dal collega e amico Sergio Raffaele, presidente onorario dell’associazione Amici del diabetico di Milano e coordinatore per la Lombardia della Giornata Mondiale del Diabete 2015, circa la scelta della Regione di affidare a una gara d’appalto la fornitura dei presidi per le persone col diabete”, annuncia Tamara Grilli, Coordinatore regionale delle associazioni lombarde aderenti a FAND-Associazione italiana diabetici, la principale organizzazione italiana del settore con le sue 117 sezioni territoriali.


“Il documento di gara è confuso, presenta numerosi errori formali e sostanziali, nonché inesattezze cliniche, ed è in contrasto con i principi espressi nell’articolo 67 della nuova direttiva europea, che individua nella ‘qualità’ il criterio guida nelle scelte dei lotti soggetti ad appalto, ma soprattutto imporrà alla maggioranza delle persone con diabete lombarde di sostituire obbligatoriamente lo strumento di misurazione della glicemia senza una motivazione clinica, solo perché costretti dal risultato della gara”, aggiunge.

Alcuni semplici esempi illuminanti.

Nel capitolato tecnico, la Regione Lombardia restringe le norme UNI EU ISO 2013 in modo arbitrario e non rispondente a dati clinico-terapeutici, anzi in contraddizione. Viene attribuita al produttore la competenza della formazione della persona con diabete all’uso dello strumento; ciò in contrasto con la legge 115/87 che tutela i diritti delle persone con diabete e con il Piano Nazionale per la malattia diabetica, che attribuiscono tale compito aldiabetologo e al personale sanitario. Non si tratta, infatti, semplicemente di operare i comandi di uno strumento, ma di saper interpretare, a tutela della propria salute, i dati che lo stesso rileva.

“Si afferma che gli strumenti saranno sostituiti al 70% nel primo anno. Facciamo due conti – dice Grilli. Il 70% delle 370mila persone che in Lombardia effettuano l’autocontrollo glicemico è pari a 259mila: per fare la sostituzione servono almeno 90mila ore di lavoro di un medico o di un infermiere – i soli che possono farla secondo la legge -, vale a dire un anno intero di lavoro di 50 professionisti. Facciamo un altro calcolo. Immaginiamo che gli ambulatori di Diabetologia dedichino a questa sostituzione 12 ore al giorno per 5 giorni a settimana: si sostituirebbero circa mille glucometri al giorno, tutti i giorni! Al di là dei dati dello studio di economia sanitaria ‘Il costo della distribuzione diretta di sistemi di automonitoraggio della glicemia: un modello di analisi economica’- realizzato dal Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università degli Studi di Pavia in collaborazione con la società di ricerca S.A.V.E. Studi Analisi Valutazioni Economiche di Milano e la consulenza di specialisti dell’ASL 3 genovese -, che indica in 2 anni e mezzo il tempo da dedicare alla sostituzione, appare un’ipotesi reale nella comune e normale logica quotidiana? Per noi è irreale, peccato che tutto sia giocato sulla nostra pelle: rischieremo d’avere un nuovo glucometro come un oggetto prendi e fuggi, senza l’indispensabile addestramento.”

“Potremmo continuare ad elencare altre vere e proprie ‘perle’ – prosegue Grilli. Potremmo citare la discordanza tra oggetto del capitolato e lotti per quanto riguarda l’età pediatrica 0-14 anni e le gestanti o il limite fissato a 0-14 per l’età pediatrica in contrasto con la legge 176/91 e la Carta ONU che la fissano a 18 anni o altri ancora puramente tecnici come la temperatura di funzionamento richiesta all’apparecchio da appaltare. Se i nostri politici proprio si preoccupano dell’appropriatezza terapeutica e del risparmio economico, applichino due semplici strumenti: ilcosto standard di rimborso e la politica degli accordo quadro multifornitore.”

“Invece con questo bando di gara si fa male alla salute delle persone con diabete della Lombardia e si fa male alle casse della Regione, perché si rischia di spendere di più: sino ad oggi i glucometri sono per lo più forniti gratuitamente dalle case produttrici ai centri di diabetologia, che consegnano lo strumento alle persone scegliendolo in base alle caratteristiche individuali del singolo; siamo proprio sicuri che si debbano fare delle gare di appalto per iniziare ad acquistarli?”

Fonti

Ufficio stampa FAND
ufficiostampa.fand@hcc-milano.com

Potrebbero interessarti

  • 6 luglio 2017Dispositivi per monitoraggio diabete: bandi di gara garantiscano libertà di scelta in un’ottica di appropriatezzaI risparmi ottenuti in Piemonte grazie all’acquisto delle strisce per glucometri, tramite bando di gara a lotto unico, rappresentano, in apparenza, una buona notizia dal punto di vista economico-finanziario, ma non altrettanto dal punto di vista dell’appropriatezza per la gestione ottimale del diabete. Posted in Regioni
  • 11 agosto 2017L’impatto del diabete in ItaliaOggi diamo i numeri sul diabete! Non per alimentare preoccupazioni, non per creare ansie ma per conoscere meglio l’entità e la crescita della malattia, per esserne più consapevoli. Posted in Italia
  • 5 luglio 2017CMMC – Cooperativa Medici Milano CentroLa CMMC è una cooperativa di servizio nata già nel 1997 con l’obiettivo di fornire, ai propri soci medici di medicina generale (MMG), gli strumenti e i servizi necessari allo svolgimento della professione (spazi, personale, attrezzature) in una logica di economia di scala. Posted in Regioni