Fumo, alcol e vita sedentaria le prime cause di morte al mondo

Fumo, alcol, poca attività fisica e una dieta non equilibrata sono condizioni che facilitano l’insorgenza di alcuni problemi di salute, come infarto, ictus, diabete di tipo 2, osteoporosi, ipertensione e perfino il cancro.
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il 50% delle malattie che colpiscono gli uomini e il 25% di quelle più comuni fra le donne sarebbero infatti da ricondursi a stili di vita poco salutari.
In particolare il fumo è responsabile del 90% di tumori al polmone, del 80% di malattie respiratorie croniche e del 25% di disturbi cardiaci. Senza contare i danni del fumo passivo, che espone soprattutto i bambini a gravi rischi per la salute.
L’alcol, quando assunto in dosi eccessive (la quantità consigliata è tra i 10 e i 30 grammi al giorno), sarebbe la causa di più del 3% dei decessi in tutto il mondo (pari a 1,8 milioni di morti), provocando solo in Europa l’8-9% delle malattie.
Infine una dieta poco equilibrata e la poca attività fisica facilitano l’insorgenza di diabete mellito, ischemie, malattie cardiache e perfino di alcuni tumori che colpiscono l’apparato digerente (gastro-intestinale e colon-retto).
Lo stile di vita sedentario è infatti considerato una delle prime cause al mondo di mortalità, e sfortunatamente è molto diffuso tra i giovani, di cui 2/3 non praticano sufficiente attività motoria.
La prevenzione e il cambiamento degli stili di vita dannosi per la salute sono quindi le armi migliori per evitare che un sempre maggior numero di persone nel mondo si ammalino e muoiano anche prematuramente.

 

 

Fonte: Giornale di Brescia, 18 maggio 2009

Potrebbero interessarti

  • 3 febbraio 2017Microbiopassport® : che cos’è e quando può servireIl Microbiopassport® è un semplice test che ci consente di conoscere la composizione della nostra flora intestinale (oggi chiamata più propriamente ”microbiota”), un patrimonio unico per ciascuno di noi. Posted in Diagnosi
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia