Fumo, alcol e vita sedentaria le prime cause di morte al mondo

Fumo, alcol, poca attività fisica e una dieta non equilibrata sono condizioni che facilitano l’insorgenza di alcuni problemi di salute, come infarto, ictus, diabete di tipo 2, osteoporosi, ipertensione e perfino il cancro.
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il 50% delle malattie che colpiscono gli uomini e il 25% di quelle più comuni fra le donne sarebbero infatti da ricondursi a stili di vita poco salutari.
In particolare il fumo è responsabile del 90% di tumori al polmone, del 80% di malattie respiratorie croniche e del 25% di disturbi cardiaci. Senza contare i danni del fumo passivo, che espone soprattutto i bambini a gravi rischi per la salute.
L’alcol, quando assunto in dosi eccessive (la quantità consigliata è tra i 10 e i 30 grammi al giorno), sarebbe la causa di più del 3% dei decessi in tutto il mondo (pari a 1,8 milioni di morti), provocando solo in Europa l’8-9% delle malattie.
Infine una dieta poco equilibrata e la poca attività fisica facilitano l’insorgenza di diabete mellito, ischemie, malattie cardiache e perfino di alcuni tumori che colpiscono l’apparato digerente (gastro-intestinale e colon-retto).
Lo stile di vita sedentario è infatti considerato una delle prime cause al mondo di mortalità, e sfortunatamente è molto diffuso tra i giovani, di cui 2/3 non praticano sufficiente attività motoria.
La prevenzione e il cambiamento degli stili di vita dannosi per la salute sono quindi le armi migliori per evitare che un sempre maggior numero di persone nel mondo si ammalino e muoiano anche prematuramente.

 

 

Fonte: Giornale di Brescia, 18 maggio 2009

Potrebbero interessarti

  • 7 dicembre 2017In Italia, il diabete è tra i temi di salute più ricercati sul webSecondo la 4° edizione del Diabetes Web Observatory, 2017 si ricerca in rete più al Sud, in particolare in Calabria, Puglia, Basilicata. Il 75 per cento delle persone utilizza le app per raccogliere e condividere informazioni sul mondo del diabete, in base all’osservatorio Diabetes Monitor, 6° Ed, 2017. Le persone con diabete sentono di più il bisogno di discutere con il proprio medico […] Posted in Italia
  • 11 dicembre 2017Diabete tipo 2: il rischio cardiovascolare viene sottovalutatoLe persone con diabete di tipo 2 (DT2) non sono consapevoli del rischio cardiovascolare correlato alla malattia. È uno dei risultati preliminari dell’indagine “Taking Diabetes to Heart” presentati all’ultimo congresso dell’International Diabetes Federation (IDF) 2017. Posted in Pressione - Ipertensione arteriosa
  • 6 dicembre 2017Torino: nuova tappa del Cities Changing Diabetes® ProgramNella Città metropolitana, capoluogo della Regione Piemonte, risiedono quasi 121 mila persone con diabete, il 5,3 per cento della popolazione censita, un record negativo per il Nord Italia; dagli esperti un invito alle amministrazioni cittadine a farsi carico della promozione della salute e della prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili come diabete tipo 2 e obesità. Posted in Mondo, Europa