Una giornata con AGD Lecco a Mantello (SO), 17 luglio 2016

Una giornata splendida quella organizzata da AGD Lecco a Mantello (SO) presso il centro ippico Namastè, in un contesto di allegria e con tantissime attività per grandi e per bambini con diabete di tipo 1. C’erano anche alcuni simpaticissimi cani portati dalle famiglie che hanno giocato liberi e felici in questo ambiente davvero rilassante e pieno di spazi da godere.

C’era anche Ticket, il mio cane in addestramento Greendogs® per la segnalazione delle ipoglicemie, che ha fatto alcune dimostrazioni di abilità con l’uso del fiuto.

 

Un’occasione per giocare con Ticket e “toccare con naso” il suo fiuto

AGD Leccocane-diabete mi ha invitata alla “Giornata all’Agriturismo Namastè – Centro di Ippoterapia e relax” a Mantello (SO) per poter spiegare alle famiglie associate come il cane può aiutare bambini, ragazzi e adulti con diabete di tipo 1. I bambini di ogni età hanno giocato e coccolato Ticket durante l’arco della giornata e si sono divertiti a studiare giochi sempre più difficili da proporre al cane. Ticket con grande maestria è riuscita a dimostrare quanto le sia facile risolvere il gioco-enigma che coinvolge il fiuto, a differenza dei bambini che lo risolvevano solo a tentativi.

Ho voluto dimostrare ai bambini presenti, con diabete di tipo 1 quanto sia sensibile l’olfatto del cane per spiegare loro che il cane attraverso l’olfatto può sentire e quindi avvisare precocemente di una ipoglicemia in arrivo. Alcuni bambini hanno provato a fare un prelievo di campione di saliva, per simulare quello che si fa durante l’addestramento per i cani per diabetici. E’ stato molto appagante vedere i bambini collaborare e tornare felici per ripetere il campionamento quando i valori della glicemia cambiavano. Hanno visto che non è difficile e nemmeno invasivo ma può anche essere divertente!

 

Un ringraziamento particolare

Vorrei ringraziare soprattutto la famiglia che ha voluto condividere con tutti noi il fatto che il proprio cane si preoccupa quando vede che la figlia diabetica non sta molto bene, dimostrandosi attento e premuroso proprio in occasione delle ipoglicemie. Un cane che dimostra questa sensibilità è un cane predisposto per svolgere questo importante compito ed è la dimostrazione pratica e reale che i cani hanno questa sensibilità.

 

Ho accennato ai presenti di alcuni video online di testimonianze pubblicate sul mio sito www.greendogs.it a questo link: www.greendogs.it/#!video/c11br

 

Per ulteriori dettagli si può trovare ancora oggi in edicola la rivista bimestrale Diabete Oggi N. 45 dove è possibile trovare le risposte alle più frequenti domande riguardo l’addestramento dei “Cani per Diabetici”.

Ulteriori articoli ed esperienze sono disponibili online nella sezione dedicata Greendogs® a questo URL www.diabete.com/persone-progetti-testimonianze/greendogs/

 

 

Daniela Cardillo

© 2016 – tutti i diritti riservati 2016 – Daniela Cardillo

 

ok_AGD Lecco Long(TOP)

 

ok_Momenti AGD Lecco (3)

 

ok_Momenti AGD Lecco (6)

 

AGD.Lecco

 

ok_1 agd lECCO CAVALLI (2)

 

ok_pRANZO AGD Lecco (1)

 

Potrebbero interessarti

  • 2 novembre 2016DT1: Tre riflessioni sul trapianto di pancreas o di isoleNel corso di un recente incontro organizzato da AGD Bologna al Policlinico Sant’Orsola, il 24 ottobre 2016, abbiamo ascoltato l’intervento del Dott. Giacomo Lanzoni, del team del Prof Luca Inverardi e Camillo Ricordi, Diabetes Research Institute, University of Miami. Posted in Ricerca scientifica
  • 30 novembre 2016L’AmazzoniaLa foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 25 novembre 2016L’Uruguay e l’arrivo in BrasileL'Uruguay è probabilmente lo stato meglio sviluppato del Sudamerica. La qualità del cibo è ottima, almeno a giudicare da quello che vedevo nei mercati e nei ristoranti, ma i costi mi hanno costretto a cucinare praticamente sempre da solo in ostello. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni