Gli antiossidanti possono aumentare il rischio di diabete di tipo 2

Agiscono contro l’invecchiamento cellulare, ma possono interferire con le molecole protettive Ros. Gli antiossidanti li conoscono ormai tutti, ce ne sono di diversi tipi e per diverse esigenze. Tuttavia, a quanto pare non sono indicati per chi soffre di diabete o è a rischio diabete.
Lo sostengono ricercatori australiani della Monash University che hanno scoperto come le molecole ROS (Reactive Oxygen Species) possano svolgere un ruolo protettivo nelle prime fasi del diabete di tipo 2, rafforzando l’azione dell’insulina. Ma, allo stesso tempo, hanno scoperto che gli antiossidanti potrebbero invece contrastare l’azione delle Ros.
Il prof. Tony Tiganis e colleghi, hanno condotto uno studio sui topi rilevando come alti livelli di Ros possano prevenire l’insorgenza dell’insulino-resistenza e del diabete indotto da una dieta ad alto contenuto di grassi. Tuttavia, quando i topi hanno ricevuto gli antiossidanti il miglioramento avuto nella risposta insulinica è andato perduto e questi sono diventati diabetici.
In controtendenza, gli scienziati della Monash commentano i risultati dicendo che questi vanno contro l’opinione diffusa che le Ros sono sempre e comunque dannose mentre gli antiossidanti sono sempre benefici. In questo caso, invece, «abbiamo dimostrato che le Ros, come il perossido d’idrogeno, sono importanti per la funzione delle cellule normali e che la loro presenza nei muscoli migliora l’azione dell’insulina e favorisce bassi livelli di zuccheri nel sangue» prosegue Tiganis.
Quello che c’è ancora da chiarire, sottolineano poi i ricercatori, è il fatto che l’azione delle Ros sia positiva nelle fasi iniziali del diabete di tipo 2 e diventi negativa nelle fasi successive della malattia. Per questo stanno approfondendo gli studi.
Al momento attuale, il miglior modo per beneficiare di una fonte naturale delle Ros è quello di seguire un’alimentazione corretta e fare esercizio fisico che da soli promuovono l’azione dell’insulina.

 

 

 

Fonte: 12 ottobre, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 12 agosto 2017Pomodoro, il re dell’estate è ricco di licopeneIl pomodoro è, insieme alla melanzana e al peperone, uno degli ortaggi protagonisti dell’estate e della cucina italiana e più in generale mediterranea. Nonostante oggi lo si trovi presente sui banchi dell’ortofrutta tutto l’anno, il pomodoro dà il meglio di sé in estate, quando matura…. secondo natura. Posted in Fibre, frutta e verdura
  • 10 luglio 2017Peptide C: che cos’è e che cosa misuraIl C-peptide viene considerato un indicatore di secrezione di insulina endogena da parte delle cellule beta del pancreas. I livelli di C-peptide si correlano sia al tipo di diabete che alla durata della malattia. Posted in Capire gli esami
  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia