Grassi saturi: buoni o cattivi?

Spunti di riflessione


Grassi saturi: un recente articolo del Time li scagiona dall’accusa di favorire diabete, obesità, e malattie cardiovascolari.
Questo continuo tira e molla su grassi buoni o grassi cattivi crea molta confusione tra noi comuni mortali. Abbiamo chiesto che cosa ne pensa a Danilo Cariolo, Biologo Nutrizionista di Milano. Ecco la sua risposta.

 

time-eat-butter “I grassi saturi (carne di maiale, salumi e insaccati grassi, burro, formaggi stagionati o  supercremosi come il mascarpone, panna da caffè, torte e creme, panna montata) non sono la  causa di ogni male ma dire che non fanno male è del tutto sbagliato e ci sono fin troppi studi  molto seri e scientificamente rigorosi che lo documentano, anche se ogni tanto viene fuori  qualcuno con tesi opposte e magari su riviste prestigiose come il Time, creando inevitabilmente  confusione nei lettori. Spesso questa cosa viene definita come il paradosso francese. In Francia,  infatti, c’è un alto consumo di grassi saturi soprattutto dal formaggio, particolarmente ricco di  grassi, e una minore incidenza di malattie cardiovascolari rispetto ad altri paesi industrializzati. La  cosa deriva dall’alto consumo di verdura cruda e frutta che fanno i francesi.”

 

LO STILE DI VITA COME PREVENZIONE

“Che l’introito di grassi saturi non sia l’unico fattore a causare obesità, diabete, malattie cardiovascolari, ecc. è fuori discussione.” Continua Cariolo “Non a caso sono tutte malattie multifattoriali e con predisposizione genetica. E sono malattie che si possono prevenire solo ed esclusivamente con uno stile di vita che sia più rispettoso della nostra genetica e della nostra biochimica che non è cambiata nel corso della storia.

Abbassare i grassi saturi con i prodotti light per poi diventare ancora più sedentari grazie all’avvento della tecnologia e mangiare cibo sempre più raffinato, industrializzato aumentando lo zucchero sicuramente maschera abbondantemente gli effetti positivi che si sarebbero avuti con la riduzione dei grassi saturi.

Tra l’altro negli Stati Uniti è vero che l’obesità sfiora il 50% della popolazione ma colpisce soprattutto i ceti medio-bassi e con un livello culturale inferiore. L’evidenza che il problema sia di stile di vita e non di fare 4 conti sui grassi assunti gli americani ce l’hanno in casa. Chiaro che in un paese dove non esiste una cultura alimentare, la carne costa meno della frutta e della verdura e la coca cola costa meno dell’acqua non c’è possibilità di riduzione di certe malattie nonostante i prodotti light. Gli unici a giovarsi dei prodotti light sono i produttori visto che altro non è che una mera operazione di marketing.”

 

I RISCHI DELLA “SOCIETA’ DEL BENESSERE”

  • Sedentarietà a livelli mai visti nella storia dell’uomo. Spesso le ore dedicate all’attività fisica ricreativa non bastano a raggiungere i livelli minimi di attività.
  • Alimentazione troppo ricca di zucchero, prodotti industriali, raffinati e di additivi chimici che ci intossicano e ci inquinano.
  • Alimentazione poco varia, cosa che spesso non garantisce completezza di nutrienti.
  • Basso consumo giornaliero di frutta e verdura.
  • Spesso si mangia troppo e se non è troppo si mangia con un’alta densità calorica, cioè cibo poco voluminoso ma ricco di calorie.

 

Se guardiamo cosa succede nei paesi dove le malattie del “benessere” sono poco diffuse si vede che su questi aspetti ci sono comportamenti opposti. E’ davvero arrivato il momento di riflettere su questo per la nostra salute futura e per quella dei nostri figli. Anche se banale ricordarlo, “Siamo quello che mangiamo”.

Potrebbero interessarti

  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 30 novembre 2016L’AmazzoniaLa foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 8 febbraio 2017Il T’Ai Chi Ch’Uan, un percorso per il nostro benessereIntervista al Maestro Davide Leonardi. Allievo di Chang Dsu Yao, il grande maestro che portò in occidente il T'Ai Chi Ch'Uan (Tajiquan o Tai chi come diciamo noi occidentali), Davide Leonardi da oltre quattro lustri insegna le stesse discipline a tantissimi praticanti in provincia di Torino. Posted in T’Ai Chi Ch’Uan - Un’ avventura… nel benessere