I figli di madri obese o diabetiche rischiano l’insufficienza renale cronica

Nel corso del 43° Meeting dell’American Society of Nephrology è stata presentata la ricerca condotta da un gruppo di studiosi dell’Università di Washington che dimostra come il rischio di insufficienza renale cronica nel bambino può essere indotto dall’obesità o dal diabete della madre durante la gravidanza. Dal confronto dei dati di oltre 4mila persone cui è stata diagnosticata l’insufficienza renale cronica infantile prima dei 21 anni con quelli di altrettanti soggetti sani, è emersa la relazione fra l’insufficienza renale dei figli e l’obesità o il diabete materni durante la gravidanza: i figli della madri che avevano avuto il diabete prima della gravidanza avevano un rischio del 69% più alto rispetto agli altri (0,26%, uno ogni 400 nati vivi), i bambini la cui madre aveva avuto il diabete gestazionale hanno avuto un aumento del rischio del 28%, il rischio di insufficienza renale cronica infantile è invece aumentato del 22% nei figli di madri obese. Il rischio di difetti renali alla nascita come aplasia o displasia renale, era maggiore del 700% nei bambini la cui madre aveva avuto il diabete prima della gravidanza; come ha spiegato la ricercatrice Christine W. Hsu «L’insufficienza renale cronica infantile è nella maggior parte dei casi provocata da anomalie dello sviluppo del rene e del tratto urinario; i figli di madri con diabete gestazionale avevano un rischio di blocco urinario (che può portare all’insufficienza renale cronica) più alto del 34%, per quelli nati da madri obese il rischio aumentava del 23% e aumentava del 21% se le madri erano solo in sovrappeso». La dottoressa Hsu ha concluso: «Con il controllo del peso e del diabete nelle donne incinte, già prima della nascita si può programmare lo sviluppo dell’insufficienza renale cronica».

 

 
Fonte: 22 novembre, salute.agi.it

Potrebbero interessarti

  • 7 novembre 2016GDM 2016: oltre 1200 eventi di prevenzione per tenere gli “OCCHI SUL DIABETE”Sono ancora milioni le persone che non sanno di soffrire di questa malattia. Prevenirla e diagnosticarla precocemente è il miglior modo per combatterla. A novembre (e anche dopo) tieni gli occhi aperti su di te e non solo. Vale anche per i tuoi amici animali: cane e gatto. Posted in EVENTI - 2016
  • 23 ottobre 2016Il diabete di tipo 1 in ItaliaSono 18mila, secondo i dati della Siedp, i bambini e gli adolescenti colpiti in Italia dal diabete tipo 1, la forma più grave della malattia che richiede la somministrazione dell’insulina, attraverso iniezioni da quattro a sei volte al giorno oppure l’impiego del microinfusore. Posted in Diabete di tipo 1
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia