I geni che favoriscono diabete e artrite proteggono da altre malattie

Secondo uno studio dell’Università di Stanford pubblicato sulla rivista scientifica PloS One, i geni che favoriscono il diabete e l’artrite reumatoide avrebbero l’effetto positivo di proteggere da altre malattie causate da alcuni virus e da batteri molto comuni; questa sarebbe la ragione per cui durante l’evoluzione queste caratteristiche del Dna si sarebbero mantenute. A riprova di questa teoria i ricercatori hanno studiato sette patologie (fra cui i due tipi di diabete, l’artrite reumatoide e l’ipertensione) e il risultato, per il diabete di tipo 1, è stato che degli 80 principali tratti genetici – che continuano a diffondersi sempre più fra la popolazione – 52 indicano una disposizione a contrarre la malattia mentre gli altri hanno una funzione protettiva. Lo stesso è stato riscontrato per l’artrite reumatoide; invece, per alcune altre malattie non si sono riscontrati aumenti dei geni che le favorivano e per altre aumentavano parallelamente i geni protettivi e quelli che potevano indurle. Gli studiosi hanno osservato che alcuni dei geni che provocano il diabete avrebbero una funzione in parte protettiva nei confronti di alcuni enterovirus e quindi, secondo il loro parere, la stessa cosa potrebbe valere anche per altri geni.

 

 

 

Fonte: 19 agosto 2010, salute.agi.it

Potrebbero interessarti

  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1
  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie