I glucometri di ultima generazione

Il progresso tecnologico e l’incessante ricerca scientifica intorno al diabete e ai glucometri ha consentito di sviluppare sistemi sempre più accurati, precisi e all’avanguardia e nel contempo semplici da utilizzare per favorire l’adesione del paziente alla cura e all’autogestione della sua glicemia.

 

L’ultima generazione di glucometri è stata progettata per facilitare sempre più la gestione individuale del diabete grazie ad alcune caratteristiche che permettono di personalizzare la misurazione come ad esempio marcatori del pasto o i promemoria per la misurazione dopo il pasto. Inoltre, grazie alla possibilità di tenere un diario elettronico delle misurazioni effettuate e dei pasti è possibile costruire un profilo personalizzato dell’andamento della propria glicemia, distinguendo tra iperglicemia (livelli elevati di glucosio nel sangue) a digiuno, prima e dopo un pasto.

Ma la glicemia non è il solo valore da controllare. Ce ne sono altri, ancora poco conosciuti dai più, che possono giocare un ruolo importante in alcune circostanze. Per questo, nella progettazione dei nuovi apparecchi per l’autocontrollo oggi vengono aggiunti anche ulteriori parametri come l’ematocrito, l’emoglobina e i chetoni.

 

In un prossimo futuro le misurazioni giornaliere saranno rese ancora più semplici e friendly. La ricerca, infatti, sta cercando di mettere a punto glucometri all in one che racchiudano in un unico strumento compatto tutto ciò che serve compreso il dispositivo pungidito per rendere l’operazione ancora più facile, discreta e sicura.

 

I glucometri oggi a disposizione sono comunque molto pratici e discreti per venire incontro alle difficoltà psicologiche, soprattutto all’inizio, che possono creare nella persona diabetica resistenze e scarsa propensione a misurare giornalmente la glicemia (molti diabetici, soprattutto di recente diagnosi, confessano di “guardarsi intorno” prima di effettuare la misurazione o comunque di viverla sempre con un certo disagio nei confronti di sguardi curiosi o indiscreti).

Le dimensioni molto compatte, l’elevata funzionalità e il design maneggevole rendono questi piccoli strumenti la soluzione ideale per chiunque debba misurarsi la glicemia (e altri parametri) senza imbarazzi, in qualsiasi situazione, privata, sociale o di lavoro.

Potrebbero interessarti

  • 25 settembre 2017Diabete tipo 1: la ricerca scientifica di Novara passa dal DRI di MiamiFirmato un importante accordo di collaborazione tra la Diabetologia dell’ Ospedale Maggiore della Carità di Novara e il Diabetes Research Institute (DRI), centro di eccellenza di Miami diretto dal professor Camillo Ricordi, che ha costruito e realizzato la tecnica e le strutture per il trapianto di insule pancreatiche nell'adulto con diabete. Posted in Fabio Braga
  • 27 settembre 2017Diabete tipo 1: La ricerca va incontro ai bisogni dei ragazziMigliorare la qualità di vita delle persone con diabete di tipo 1 oggi si può: il futuro è sempre più vicino. Un board di diabetologi pediatri ha presentato un nuovo documento per raccomandare l’utilizzo del sensore per il monitoraggio della glicemia il 100% del tempo negli adolescenti con diabete di tipo 1. Posted in Nuove tecnologie
  • 15 novembre 2017Daniela Cardillo a “Donne e Diabete”, Convegno ad ArezzoIn occasione della Giornata Mondiale del Diabete 2017 (#WDD17), dedicata al diabete al femminile, il 14 novembre, all’Auditorium di Arezzo è stato organizzato dall'Associazione Diabetici Aretini ADA, un evento d’informazione dall’Ospedale San Donato di Arezzo. Posted in Greendogs