I glucometri di ultima generazione

Il progresso tecnologico e l’incessante ricerca scientifica intorno al diabete e ai glucometri ha consentito di sviluppare sistemi sempre più accurati, precisi e all’avanguardia e nel contempo semplici da utilizzare per favorire l’adesione del paziente alla cura e all’autogestione della sua glicemia.

 

L’ultima generazione di glucometri è stata progettata per facilitare sempre più la gestione individuale del diabete grazie ad alcune caratteristiche che permettono di personalizzare la misurazione come ad esempio marcatori del pasto o i promemoria per la misurazione dopo il pasto. Inoltre, grazie alla possibilità di tenere un diario elettronico delle misurazioni effettuate e dei pasti è possibile costruire un profilo personalizzato dell’andamento della propria glicemia, distinguendo tra iperglicemia (livelli elevati di glucosio nel sangue) a digiuno, prima e dopo un pasto.

Ma la glicemia non è il solo valore da controllare. Ce ne sono altri, ancora poco conosciuti dai più, che possono giocare un ruolo importante in alcune circostanze. Per questo, nella progettazione dei nuovi apparecchi per l’autocontrollo oggi vengono aggiunti anche ulteriori parametri come l’ematocrito, l’emoglobina e i chetoni.

 

In un prossimo futuro le misurazioni giornaliere saranno rese ancora più semplici e friendly. La ricerca, infatti, sta cercando di mettere a punto glucometri all in one che racchiudano in un unico strumento compatto tutto ciò che serve compreso il dispositivo pungidito per rendere l’operazione ancora più facile, discreta e sicura.

 

I glucometri oggi a disposizione sono comunque molto pratici e discreti per venire incontro alle difficoltà psicologiche, soprattutto all’inizio, che possono creare nella persona diabetica resistenze e scarsa propensione a misurare giornalmente la glicemia (molti diabetici, soprattutto di recente diagnosi, confessano di “guardarsi intorno” prima di effettuare la misurazione o comunque di viverla sempre con un certo disagio nei confronti di sguardi curiosi o indiscreti).

Le dimensioni molto compatte, l’elevata funzionalità e il design maneggevole rendono questi piccoli strumenti la soluzione ideale per chiunque debba misurarsi la glicemia (e altri parametri) senza imbarazzi, in qualsiasi situazione, privata, sociale o di lavoro.

Potrebbero interessarti

  • 31 dicembre 2017Principali motivi di scarsa adesione al trattamento antidiabeticoIl diabete mellito tipo 2 è una delle malattie croniche in cui è più facile riscontrare un basso livello di aderenza al trattamento in senso lato che comprende quindi cambiamento dello stile di vita, seguire una dieta e un programma di attività fisica e la terapia con farmaci, uno o più, in associazione. Posted in Adesione alla terapia, Adesione terapia
  • 29 novembre 2017L’alimentazione della donna diabeticaLe donne con diabete, rispetto agli uomini, presentano una maggiore mortalità, dovuta alle complicanze della malattia. Il rischio di alcune complicanze diabetiche e la gravità delle stesse risulta essere maggiore nella donna. Posted in Nutrizione
  • 18 febbraio 2018Il diabete mellito aumenta il rischio di infezioniLe persone che soffrono di diabete sono più a rischio di infezioni, comprese quelle di particolare gravità localizzate alle articolazioni e alle ossa, oltre alle endocarditi (infezioni dell'endocardio, il tessuto che riveste le cavità interne e le valvole del cuore), alle infezioni cutanee, al piede, alle basse vie respiratorie, alle vie urinarie e alle sepsi. Posted in Infezioni