I grassi animali contribuiscono alla cataratta

Una ricerca dell’Università di Oxford ha dimostrato che un’alimentazione troppo ricca di grassi animali contribuisce all’opacizzazione del cristallino, mentre una dieta ricca di verdure e di pesce lo mantiene integro più a lungo. Nel corso di 15 anni i ricercatori britannici hanno tenuto sotto osservazione oltre 27.000 abitanti di Oxford, senza diabete, raccogliendo i dati sui loro stili di vita e sulla loro alimentazione. La conclusione dei ricercatori è stata che «Esiste una forte correlazione fra il rischio di cataratta e la dieta seguita dal gruppo: l’incidenza della patologia oculare del cristallino si riduce progressivamente in chi mangia meno carne e preferisce il pesce; il rischio di cataratta è più basso fra i vegetariani (30% in meno) e ancora di più fra i vegani (40% in meno) che escludono dalla loro dieta anche i prodotto lattiero-caseari». Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, la rivista ufficiale dell’American Society for Nutrition.

 

 
Fonte 15 giugno 2011, iapb.it

Potrebbero interessarti

  • 19 gennaio 2017Nuova campagna di AIIPA: “Nutrizione e sicurezza specializzate”Il messaggio della nuova campagna dell’Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) si propone di fare chiarezza sulle caratteristiche e sulla qualità nutrizionale degli alimenti specifici per la prima infanzia, fabbricati e commercializzati nel rispetto della rigorosa normativa vigente. Posted in NEWS - 2017
  • 30 novembre 2016L’AmazzoniaLa foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa