I grassi animali contribuiscono alla cataratta

Una ricerca dell’Università di Oxford ha dimostrato che un’alimentazione troppo ricca di grassi animali contribuisce all’opacizzazione del cristallino, mentre una dieta ricca di verdure e di pesce lo mantiene integro più a lungo. Nel corso di 15 anni i ricercatori britannici hanno tenuto sotto osservazione oltre 27.000 abitanti di Oxford, senza diabete, raccogliendo i dati sui loro stili di vita e sulla loro alimentazione. La conclusione dei ricercatori è stata che «Esiste una forte correlazione fra il rischio di cataratta e la dieta seguita dal gruppo: l’incidenza della patologia oculare del cristallino si riduce progressivamente in chi mangia meno carne e preferisce il pesce; il rischio di cataratta è più basso fra i vegetariani (30% in meno) e ancora di più fra i vegani (40% in meno) che escludono dalla loro dieta anche i prodotto lattiero-caseari». Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, la rivista ufficiale dell’American Society for Nutrition.

 

 
Fonte 15 giugno 2011, iapb.it

Potrebbero interessarti

  • 6 luglio 2017AGE e glicazione: che cosa sono?Il termine AGE si riferisce a una serie di composti chimici prodotti quando gli zuccheri si combinano con proteine o grassi (glicazione avanzata). Si trovano per esempio sulle superfici dorate o abbrustolite di cibi fritti o grigliati, oppure sul pane tostato. Posted in Carboidrati (zuccheri), Nutrizione
  • 26 giugno 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia