I livelli dell’antagonista del recettore IL-1 preannunciano insorgere del diabete

Nell’organismo di pazienti affetti da diabete di tipo 2 la presenza dell’IL-1RA, recettore antagonista dell’interleuchina 1 beta, migliora la regolazione del livello di glicemia nel corpo. Tuttavia secondo i risultati di uno studio recente, la presenza in elevate quantità di questo inibitore in soggetti sani sembrerebbe preannunciare l’insorgere del diabete di tipo 2.
Secondo i ricercatori la spiegazione risiede nel fatto che l’organismo, allertato contro i primi disturbi che preannunciano la malattia vera e propria, cerchi di stimolare l’IL-1, marcatore delle infiammazioni, per difendersi. Quando questo tentativo di difesa fallisce i livelli del recettore antagonista dell’IL-1 restano alti e il diabete insorge comunque.
Per gli esperti resta da capire se stimolando ulteriormente la reazione dei marcatori antinfiammatori sia possibile evitare o comunque ritardare la comparsa della malattia.

 
Fonte: Diabetes Care 2009; 32: 421-3

Potrebbero interessarti

  • 8 dicembre 2016Podologo: l’esperto per la cura dei piediNelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnica), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici. Posted in Piede diabetico
  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia