I livelli dell’antagonista del recettore IL-1 preannunciano insorgere del diabete

Nell’organismo di pazienti affetti da diabete di tipo 2 la presenza dell’IL-1RA, recettore antagonista dell’interleuchina 1 beta, migliora la regolazione del livello di glicemia nel corpo. Tuttavia secondo i risultati di uno studio recente, la presenza in elevate quantità di questo inibitore in soggetti sani sembrerebbe preannunciare l’insorgere del diabete di tipo 2.
Secondo i ricercatori la spiegazione risiede nel fatto che l’organismo, allertato contro i primi disturbi che preannunciano la malattia vera e propria, cerchi di stimolare l’IL-1, marcatore delle infiammazioni, per difendersi. Quando questo tentativo di difesa fallisce i livelli del recettore antagonista dell’IL-1 restano alti e il diabete insorge comunque.
Per gli esperti resta da capire se stimolando ulteriormente la reazione dei marcatori antinfiammatori sia possibile evitare o comunque ritardare la comparsa della malattia.

 
Fonte: Diabetes Care 2009; 32: 421-3

Potrebbero interessarti

  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1
  • 8 dicembre 2016Podologo: l’esperto per la cura dei piediNelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnica), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici. Posted in Piede diabetico
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia