I pediatri contro gli eccessi alimentari dei bambini

In Italia un bambino su tre è obeso o sovrappeso e quasi la metà delle mamme non se ne rende conto: questi i dati diffusi nel corso del 67° Congresso della Sip (Società Italiana di Pediatria) appena concluso a Milano; dati allarmanti che evidenziano la responsabilità della sovralimentazione cui sono sottoposti i bambini fin dalla nascita, nell’aumento dell’incidenza dell’obesità infantile. Le raccomandazioni dei pediatri sono state riassunte in dieci azioni per prevenire gli eccessi alimentari: le aziende che producono alimenti per neonati e bambini diminuiscano le proteine nel latte artificiale e gli zuccheri, le neomamme allattino al seno fino al compimento del primo anno di vita e seguano precise direttive per lo svezzamento, i genitori e chi si occupa dei bambini non esagerino con proteine e latticini e dissetino i figli con l’acqua evitando bevande gassate e zuccherate. È necessario anche modificare gli stili di vita controllando regolarmente il peso dei bambini e la loro alimentazione, con porzioni adeguate di cibo, senza esagerazioni; deve essere incrementata l’attività fisica, possibilmente all’aria aperta, evitando la sedentarietà.

 

 
Fonte 8 giugno 2011, repubblica.it

Potrebbero interessarti

  • 12 ottobre 2017Giornata Mondiale della Menopausa: Onda inaugura la 1° edizione di (H)-Open dayDal 18 al 22 ottobre 2017, porte aperte in oltre 100 ospedali del network Bollini Rosa di Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna. Servizi gratuiti clinico-diagnostici e informativi alle donne per promuovere il benessere in menopausa. Posted in Diabete al femminile
  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia