Ideati due nuovi sistemi per calcolare rischio diabete

Arriva dal CDC di Atlanta (Center for Disease Control and Prevention) il nuovo metodo per individuare i soggetti più a rischio di sviluppare diabete di tipo 2.
Si tratta in realtà di due sistemi per misurare il punteggio del rischio di ogni persona: uno, identificato come sistema base, che calcola la propensione a sviluppare il diabete sull’analisi di caratteristiche quali la circonferenza della vita, diabete materno o paterno, ipertensione, bassa statura, età superiore a 55 anni, alto indice di massa corporea e vizio del fumo; il sistema cosiddetto avanzato si basa sugli stessi dati del sistema base, aggiungendo inoltre informazioni legate agli esiti degli esami del sangue, che valutano i livelli di glucosio, lipidi e acido urico.
Dopo aver testato entrambi i sistemi su un gruppo di 12,729 individui di età compresa tra i 45 e i 64 anni e averli seguiti per 10 anni per valutare l’incidenza del diabete di tipo 2 (che nel periodo di osservazione è stato del 19% sul totale del gruppo), i ricercatori hanno confermato che il sistema base era risultato efficace nell’individuare i soggetti a rischio diabete, ma che il sistema avanzato permetteva di identificare ancora meglio gli individui ad alto rischio.
Questa nuova scoperta, che dovrà tuttavia essere confermata da ulteriori studi, potrebbe essere molto utile nel convincere le persone più esposte al rischio di sviluppare il diabete a cominciare e soprattutto mantenere uno stile di vita più sano possibile.

 

 
FonteAnnals of Internale Medicine; 150: 741-751

Potrebbero interessarti

  • 10 ottobre 2017“Muoviti-muoviti”: cultura del movimento al Pini-CTO di MilanoQuando l’attività fisica aiuta a contrastare l’evoluzione delle malattie croniche. L’iniziativa si è svolta sabato 7 ottobre 2017 a Milano: un’intera giornata dedicata alla cultura del movimento che ha visto gli specialisti del Pini-CTO disponibili a rispondere a dubbi e domande della cittadinanza. La manifestazione, gratuita e aperta a tutti, è stata promossa da SIMFER, Happy Ageing e […] Posted in Movimento
  • 14 settembre 2017Metformina nelle donne con precedente diabete gestazionale: previene il diabete?La somministrazione di metformina a lungo termine (15 anni) in donne che hanno sofferto di diabete gestazionale durante la gravidanza sembra essere particolarmente efficace nel prevenire l’insorgenza di diabete di tipo 2, e potrebbe giustificare un maggiore utilizzo preventivo nelle donne a rischio elevato. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio