Identificare i fattori di rischio

L’identificazione dei fattori di rischio di una o più ulcere ai piedi rappresenta il problema centrale per pianificare il più precocemente possibile un programma di prevenzione e cura individuale. I numerosi studi condotti hanno indicato diversi fattori che favoriscono l’insorgenza di ulcere del piede. Vi è tuttavia, un accordo unanime degli esperti sul fatto che i fattori più importanti siano rappresentati dalla presenza di una neuropatia sensitivo-motoria periferica e/o di una arteriopatia obliterante agli arti inferiori, complicanze che coinvolgono più del 25% dei soggetti diabetici dopo 10-15 anni di malattia.

 

La prevenzione primaria

  • la perdita della sensibilità propriocettiva (percezione di sé in rapporto allo spazio circostante, al mondo esterno)
  • l’assenza dei riflessi tendinei e dei polsi arteriosi periferici
  • segni di scarsa circolazione ai piedi (cute fredda, perdita dei peli, unghia che crescono male etc.)
  • alterazioni cutanee (secchezza della pelle, arrossamenti in aree articolari, ipercheratosi alla pianta del piede, fissurazioni e macerazioni, disturbi alle unghie)
  • deformazioni congenite ed acquisite (dita in griffe, dita a martello, alluce valgo)
  • rigidità articolare (piede rigido)
  • eventuali amputazioni precedenti
  • fattori di rischio tradizionali: ipertensione arteriosa*, ipercolesterolemia, sedentarietà, fumo di sigaretta etc.

 

L’obesità può essere considerata una concausa nella genesi delle lesioni?

Per quanto riguarda il rapporto tra obesità e rischio ulcerativo, dal punto di vista biomeccanico si sa che il peso corporeo non influisce sulla comparsa dell’ulcera, al contrario può essere considerata un fattore generale di rischio in quanto fattore di rischio metabolico.

 

 

Controlla regolarmente i tuoi piedi, curane l’igiene tutti i giorni
e consulta il tuo medico per qualsiasi dubbio o in caso insorgano problemi.
Tu e il tuo medico siete alleati importanti nella prevenzione primaria della salute dei tuoi piedi.

 

* Monami M, Vivarelli M, Desideri CM, Colombi C, Marchionni N, Mannucci E, Pulse Pressure and Prediction of Incident Foot Ulcers in Type 2 Diabetes. Diabetes Care. 2009 May;32(5):897-9.

 

Potrebbero interessarti

  • 22 aprile 2017Che cosa succede quando il colesterolo in circolo è troppo altoIl rischio è che si inneschi il processo dell’aterosclerosi, che progredisce in modo silente fino alla completa ostruzione dei vasi o alla formazione di trombi che ostruiscono il flusso del sangue e che aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari, danni renali e ictus cerebrale. Posted in Grassi
  • 16 giugno 2017Il mondo invecchia: assistenza e gestione dell’anzianoDall’Osservatorio Nazionale della salute della DonnA (ONDA) la fotografia della “generazione d’argento”. Il 43% degli over 70 dichiara di essere soddisfatto della propria vita, 4 su 5 affermano di essere autosufficienti. Posted in Italia
  • 28 maggio 2017Diabete giovanile: tutela legale e prospettive terapeuticheDalla sala gremita del Nuovo Teatro Faraggiana di Novara una vera iniezione di speranza per la cura del diabete di tipo 1 e del diabete di tipo 2 (per chi necessita di insulina) nel corso dell’evento organizzato da Agd Novara il 6 maggio 2017. Posted in Fabio Braga