Il diabete è favorito dal fumo, anche da quello passivo

Secondo una ricerca del Brigham and Women’s Hospital di Boston l’insorgenza del diabete di tipo 2 è favorita non sono dal fumo attivo ma anche da quello passivo. Nel 1982 erano stati distribuiti a 100mila infermiere altrettanti questionari sul loro rapporto con il fumo attivo o sulla loro eventuale esposizione al fumo passivo; gli studiosi americani, guidati da John P. Forman, hanno analizzato le risposte ai questionari e hanno verificato che dopo 24 anni, nel 2006, fra le infermiere che avevano partecipato alla ricerca ne risultava malata di diabete una su 18. Fra le fumatrici ‘attive’, che superavano le 40 sigarette al giorno, annualmente si registravano 30 nuovi casi di diabete di tipo 2 ogni 10mila partecipanti, invece fra quelle che non avevano rapporti con il fumo di nessun tipo i nuovi casi erano 25 ogni 10mila. Maggiori i rischi per le donne esposte al fumo passivo o per le ex fumatrici: 39 nuovi casi ogni 10mila ma dopo che gli studiosi hanno eliminato gli altri eventuali fattori di rischio, rispetto alle donne esposte al fumo passivo le ex fumatrici registravano un rischio più alto del 12%. La ricerca è stata pubblicata su Diabetes Care.

 

 

Fonte 11 marzo 2011, asca.it

Potrebbero interessarti

  • 26 luglio 2017Diabete e obesità. Il Parlamento approva risoluzione sulla salute nelle città3,5 milioni sono gli italiani con diabete, un terzo dei quali risiede nelle grandi città: il 35,2 per cento dei residenti è in sovrappeso e il 9,2 per cento con obesità; 4 italiani su 10 hanno una vita sedentaria. Posted in Italia
  • 16 ottobre 201714-20 novembre 2017: nelle farmacie aderenti, screening gratuito della glicemiaDiabete: in occasione della Giornata Mondiale del Diabete 2017, è prevista la prima Campagna Nazionale di Screening nelle Farmacie aderenti. Dal 14 al 20 novembre, offriranno gratuitamente l’autoanalisi della glicemia ai cittadini che lo desiderano e li sottoporranno a un questionario anonimo. Posted in NEWS - 2017
  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia