Il diabete è favorito dal fumo, anche da quello passivo

Secondo una ricerca del Brigham and Women’s Hospital di Boston l’insorgenza del diabete di tipo 2 è favorita non sono dal fumo attivo ma anche da quello passivo. Nel 1982 erano stati distribuiti a 100mila infermiere altrettanti questionari sul loro rapporto con il fumo attivo o sulla loro eventuale esposizione al fumo passivo; gli studiosi americani, guidati da John P. Forman, hanno analizzato le risposte ai questionari e hanno verificato che dopo 24 anni, nel 2006, fra le infermiere che avevano partecipato alla ricerca ne risultava malata di diabete una su 18. Fra le fumatrici ‘attive’, che superavano le 40 sigarette al giorno, annualmente si registravano 30 nuovi casi di diabete di tipo 2 ogni 10mila partecipanti, invece fra quelle che non avevano rapporti con il fumo di nessun tipo i nuovi casi erano 25 ogni 10mila. Maggiori i rischi per le donne esposte al fumo passivo o per le ex fumatrici: 39 nuovi casi ogni 10mila ma dopo che gli studiosi hanno eliminato gli altri eventuali fattori di rischio, rispetto alle donne esposte al fumo passivo le ex fumatrici registravano un rischio più alto del 12%. La ricerca è stata pubblicata su Diabetes Care.

 

 

Fonte 11 marzo 2011, asca.it

Potrebbero interessarti

  • 17 ottobre 2016Italiani e movimento: solo 1 su 3 pratica uno sport nel tempo liberoL’Italia è un paese pigro e continua ad esserlo come evidenziato nel recente Convegno “Salute e sport per il benessere nelle città” promosso da Health City Institute nell’ambito dell’assemblea Anci a Bari, il 13 ottobre. La pigrizia cresce da Nord a Sud ed è più presente nei piccoli centri e nelle periferie, secondo i dati ISTAT. Posted in Italia
  • 2 novembre 2016DT1: Tre riflessioni sul trapianto di pancreas o di isoleNel corso di un recente incontro organizzato da AGD Bologna al Policlinico Sant’Orsola, il 24 ottobre 2016, abbiamo ascoltato l’intervento del Dott. Giacomo Lanzoni, del team del Prof Luca Inverardi e Camillo Ricordi, Diabetes Research Institute, University of Miami. Posted in Ricerca scientifica
  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia