Il glucosio monitorato da un microlaboratorio sottopelle

In base ai risultati di uno studio realizzato dai ricercatori dell’Università di San Diego, un dispositivo innestato sottopelle potrebbe in futuro permettere ai diabetici di controllare il proprio livello di glucosio. Durante la ricerca, che è stata pubblicata su Science Traslational Medicine, un vero ‘microlaboratorio’ di circa quattro centimetri per 15 millimetri, è stato impiantato in alcuni maiali e per un anno e mezzo ha registrato il loro livello di glucosio e ne ha trasmesso i dati in tempo reale a un ricevitore esterno grande quanto un telefono cellulare. Secondo i ricercatori «In futuro si potranno costruire dei veri telefoni che consentiranno di segnalare l’innalzamento eccessivo del livello di glucosio e il monitoraggio notturno, per esempio nei casi di diabete infantile».

 

 

 

Fonte: 29 luglio 2010, salute.agi.it

Potrebbero interessarti

  • 9 marzo 2017Approvato in Campania il “Flash Glucose Monitoring”La Regione Campania ha autorizzato la prescrizione del sistema di Monitoraggio Flash del Glucosio - FGM - ai pazienti affetti da Diabete Tipo I e ai pazienti diabetici che eseguono almeno quattro controlli glicemici al giorno come da Delibera della Giunta Regionale n. 98 del 28/02/2017. Posted in Regioni
  • 16 febbraio 2017Nuoto e subacquea, ok anche nei bambini con diabete tipo 1Intervista rilasciata da Marco Alleva, subacqueo ed apneista dell’Associazione 1° Club Lacustre Sommozzatori di Novara e papà di Giorgio, 13 anni, con diabete di tipo 1. Posted in Prevenzione e Terapia
  • 7 gennaio 2017Prevenzione e cura del piede diabeticoLa cura quotidiana dei piedi è essenziale per la persona con diabete, per mantenerli sani, per facilitare la rapida identificazione di eventuali alterazioni e per prevenire il piede diabetico, una complicanza subdola e invalidante che se diagnosticata precocemente può essere contrastata in modo efficace. Posted in Complicanze