Il grasso bruno aiuta a controllare il peso

Nel corso di una ricerca del Joslin Diabetes Center dell’Harvard Medical School di Boston è stato identificato il ruolo del tessuto adiposo bruno, che aiuta a bruciare le calorie, al contrario del grasso bianco, che invece ne favorisce l’accumulo.
Rispetto alle cellule di grasso bianco, quelle di grasso bruno si sono dimostrate più efficaci nel processo di autofagia cellulare, che consente alle cellule di riciclare il proprio contenuto, bruciando così risorse energetiche; inoltre, il grasso bruno contribuisce alla regolazione della temperatura corporea e del bilancio energetico dell’organismo e contribuisce al controllo del peso corporeo.
Ne è la prova la minore massa corporea di chi ha una maggiore quantità di grasso bruno. Il tessuto adiposo bruno è metabolicamente attivo nel 5,4% degli adulti, soprattutto nelle donne, e non solo nei neonati e nei bambini, come ritenevano in precedenza gli stessi ricercatori americani.
Gli studiosi, coordinati da Aaron Cypess, hanno identificato due interruttori molecolari che controllano necdin, una proteina in grado di bloccare lo sviluppo del grasso bruno e quindi favorire obesità e diabete; perciò, “…accendendo o spegnendo necdin, si può stimolare il metabolismo umano perché bruci più grassi ed energia”.
La ricerca è pubblicata su Endocrinology.

 

 
Fonte 26 settembre 2011, ilsole24ore.com

Potrebbero interessarti

  • 14 novembre 2016La medicina di genereLa Medicina di genere è finalizzata a garantire l’appropriatezza della terapia a ogni persona, uomo o donna che sia, rafforzando il concetto della centralità del singolo paziente che il medico si trova davanti e alle sue specifiche esigenze di salute. Posted in Diabete al femminile
  • 11 novembre 2016Girovita: diamogli un taglioManiglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore. Posted in Indici e calcoli, Area interattiva
  • 8 novembre 2016Diabete tipo due: quali i rischi per chi abbandona la dieta mediterranea?Gli ultimi dati Eurispes hanno registrato un cambiamento nelle abitudini alimentari degli Italiani: la scelta di abbandonare il consumo di carne sembra coinvolgere quasi 5 milioni di italiani (8% della popolazione), di cui circa il 10% sceglie di eliminare tutti i prodotti di origine animale. Posted in Ruolo della dieta