Il rischio di diabete può ridursi prendendo il sole

Una ricerca australiana ha scoperto una relazione fra diabete e vitamina D e raccomanda alle persone a rischio di diabete di esporsi al sole, oltre che a condurre uno stile di vita sano, con attività fisica e dieta equilibrata. Lo studio ha coinvolto oltre 5.000 persone nel cui sangue i ricercatori del Melbourne Pathology hanno misurato i nanomoli di vitamina D. La presenza di meno di 50 nanomoli per litro di sangue annuncia una carenza di vitamina D: gli studiosi australiani hanno osservato che il rischio di sviluppare il diabete diminuiva del 24% ogni 25 nanomoli di vitamina D in più presenti nel sangue delle persone esaminate. I soggetti a rischio, per colmare le carenze di vitamina D e non potendo esporsi al sole, dovrebbero assumere integratori alimentari. Lo studio è stato riportato dal Daily Mail.

 

Fonte 30 luglio 2011, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 10 ottobre 2017“Muoviti-muoviti”: cultura del movimento al Pini-CTO di MilanoQuando l’attività fisica aiuta a contrastare l’evoluzione delle malattie croniche. L’iniziativa si è svolta sabato 7 ottobre 2017 a Milano: un’intera giornata dedicata alla cultura del movimento che ha visto gli specialisti del Pini-CTO disponibili a rispondere a dubbi e domande della cittadinanza. La manifestazione, gratuita e aperta a tutti, è stata promossa da SIMFER, Happy Ageing e […] Posted in Movimento
  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 17 agosto 2017L’arrivo a Singapore e il significato di quella fetta di tortaUna fetta di torta è un piacere scontato per molti, ma non per chi soffre di diabete di tipo 1 e vive la sua vita in cerca di un difficile equilibrio glicemico influenzato da insulina, carboidrati e attività fisica. Posted in For a piece of cake