Il rischio di infezioni e il loro trattamento

Il maggior rischio in presenza di un’ulcera da piede diabetico è quello di infettarsi facilmente. L’infezione nel piede diabetico è una condizione che minaccia la gamba e si ritiene che sia la causa immediata di amputazione nel 25–50% dei soggetti con piede diabetico. Un’infezione può manifestarsi in modo acuto e cronico, in entrambi i casi è pericolosa.

 

L’infezione acuta

  • E’ la forma più pericolosa e richiede un intervento tempestivo.
  • Si manifesta con ascessi che provocano febbre alta, picchi dei globuli bianchi nel sangue, arrossamento e gonfiore della gamba colpita.
  • E’ obbligatoria l’ospedalizzazione per effettuare nel più breve tempo possibile un intervento chirurgico di bonifica dei tessuti infetti e instaurare una terapia antibiotica mirata.


L’infezione cronica

  • E’ meno pericolosa della forma acuta anche se è più subdola.
  • Uno dei quadri più frequenti è una grave infezione ossea (osteomielite) che insorge su un’ulcera aperta da molto tempo e che rappresenta la causa per cui l’ulcera non guarisce.
  • Se l’osteomielite colpisce le ossa metatarsali, viene in genere indicato un intervento chirurgico di amputazione minore per impedire che l’infezione progredisca e vada ad intaccare il tallone, dove il rischio è quello di un’amputazione maggiore.

 

 

Un approccio multidisciplinare che contempli la detersione, una cura meticolosa della lesione, un adeguato apporto vascolare, il controllo metabolico, il trattamento antibiotico e la riduzione del carico della pressione plantare è essenziale nel trattamento delle infezioni del piede.

Il trattamento è personalizzato caso per caso e concordato tra il singolo soggetto e la propria equipe medica.

 

Potrebbero interessarti

  • 13 giugno 2017Primi caldi: un vademecum per contrastare il colpo di caloreDurante le giornate afose, in luoghi dove il caldo e l’umidità raggiungono livelli critici, aumentano le probabilità di andare incontro ad un colpo di calore. Vediamone sintomi, primo soccorso e prevenzione. Posted in Viaggi e vacanze
  • 3 maggio 2017MicroalbuminuriaLa presenza di piccole quantità di albumina nelle urine (microalbuminuria) può comparire negli stadi molto precoci della nefropatia diabetica e può fungere da campanello d’allarme per questa temibile complicanza. Posted in Capire gli esami
  • 22 aprile 2017Colesterolo “cattivo” e colesterolo “buono”. Perché?Il colesterolo è un particolare grasso (o lipide) che si trova esclusivamente negli alimenti di origine animale e può essere sintetizzato anche dal nostro organismo. E’ una molecola di grande importanza e utilità biologica, componente di tutte le membrane cellulari e del rivestimento di mielina che ricopre i nervi. Posted in Grassi