In aiuto dei diabetici un calzino-robot

Nanoparticelle a rilascio controllato. A dirla così, si fatica a credere che dietro ci sia un indotto di occupazione di circa 200 persone, un milione di euro di fatturato che raddoppierà nei prossimi anni e richieste di collaborazione dalle case farmaceutiche del mondo. Il merito è di un brevetto bolognese, un semplice “calzino tecnologico” che sta allungando la vita di molti diabetici evitando soluzioni a volte necessarie come l’amputazione degli arti.
LVM Technologies è stata fondata cinque anni fa sotto le Due Torri da Lucio Lenzi e Morena Restani. Ispirati dal successo americano dell’applicazione delle nanotecnologie in medicina, oggi fanno affari con i paesi arabi, il Brasile e la Germania, e i loro calzini vengono sperimentati in centri come il Cisanello di Pisa o l’Istituto Zucchi di Monza. Il dispositivo-calzino combatte «le complicazioni del diabete o dell’ulcera: rilascia una proteina riparatrice che cicatrizza le ferite su cui il paziente perde sensibilità». Il sistema sanitario greco lo ha reso rimborsabile e dai pazienti arrivano ottimi feedback. Una volta smaltito l’indebitamento di avvio, Lvm conta di raddoppiare la crescita: «Le multinazionali ci corteggiano – commenta il presidente – per l´innovazione la crisi non c´è, ma è stato difficile partire da soli». L’azienda bolognese, che si definisce un “cervello in fuga”, non può fare a meno di denunciare «i no da Regione e Stato a richieste di finanziamento – conclude Lenzi – purtroppo se hai una buona idea, sei costretto ad andare all’estero».

 

 
Fonte: 22 dicembre 2009, espresso.repubblica.it

Potrebbero interessarti

  • 6 luglio 2017GST – Cooperativa Gestione Sanità TerritorialeLa cooperativa GST è nata nel 1999 per assistere i Medici di Medicina Generale (MMG) nel loro lavoro offrendo servizi, consulenze e personale, servizi a costi agevolati rispetto a quelli di mercato. Posted in Regioni
  • 29 maggio 2017Educazione terapeutica e nuove tecnologie nella gestione del diabeteLe innovazioni degli strumenti tecnologici a disposizione delle persone con diabete, soprattutto diabete di tipo 1, sono sempre più diffuse, soprattutto per quanto riguarda l’auto-controllo: esistono, infatti, diversi sistemi avanzati per il monitoraggio della glicemia. Posted in Nuove tecnologie
  • 6 luglio 2017I.M.L. – Cooperativa Iniziativa Medica LombardaIML, iniziativa no profit, è in grado di offrire ai medici di famiglia tutti gli strumenti necessari per la gestione della cronicità che, da soli, non potrebbero avere. Si occupa della fornitura di strumenti informatici sempre più avanzati e di supporto al telemonitoraggio e alla telemedicina. Posted in Regioni