In crescita l’obesità in Europa anche se in Italia va un po’ meglio

Secondo il rapporto ‘Health at a Glance Europe 2010’, redatto dall’Ocse (Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo) sulla salute dei cittadini dell’Unione Europea, l’obesità è una patologia in continua crescita in molti Paesi a causa delle cattive abitudini alimentari e della scarsa attività fisica, tanto che oltre la metà della popolazione adulta dell’UE è obesa o sovrappeso. Il 20% dei cittadini del Regno Unito sono in sovrappeso o obesi e per questo sono al primo posto nella classifica dell’obesità europea; un tasso più basso, anche se in crescita, si registra in Francia, Svizzera e Italia. Il numero di europei obesi è raddoppiato negli ultimi vent’anni e anche l’obesità infantile è in continua crescita: l’incidenza di bambini europei obesi si valuta intorno a uno su sette. Ed è noto che sovrappeso e obesità rappresentano fattori di rischio per ipertensione, diabete, problemi cardiovascolari e a carico dell’apparato respiratorio, colesterolo alto, artrite e alcune forme di cancro..

 

 
Fonte: 9 dicembre 2010, italia-news.it

Potrebbero interessarti

  • 11 ottobre 2017Salute: al Forum della Leopolda si è sfidato il futuroA Firenze, il 29-30 settembre 2017, oltre 2.000 visitatori e 600 relatori in rappresentanza del settore sanitario, Istituzioni pubbliche, Associazioni di pazienti e Società Scientifiche, economisti e futuristi hanno animato la Stazione Leopolda, in occasione della seconda edizione del “Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute”. Posted in EVENTI - 2017
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi